Attualità

Discoteche, Lopalco per la riapertura: "Stessi rischi di una spiaggia affollata con musica, può essere occasione di screening"

L'assessore alla Salute sulla ripartenza dei locali notturni. Sulla variante delta: "Timori moderati, buona copertura vaccinale e circolazione virale bassa". L'appello in vista delle finale degli Europei: "Se dobbiamo festeggiare, usiamo mascherina"

La riapertura delle discoteche? "Non capisco quale sia la differenza di un locale da ballo all'aperto e una spiaggia piena con uno stereo acceso. Vanno riaperti i locali notturni e può essere una grande occasione di filtro, di screening", così l'assessore alla Sanità della Regione Puglia ed epidemiologo, Pier Luigi Lopalco, ospite di '24 Mattino' su Radio24.

Nel corso della trasmissione, Lopalco ha anche rinnovato la sua raccomandazione in vista della finale degli Europei di domenica prossima: "Abbiamo portato la mascherina per un anno, domenica sera, se dobbiamo festeggiare, mettiamoci una mascherina tricolore e stiamo attenti".

Tra gli altri argomento affrontati, quello della diffusione della variante Delta: "I timori ci sono perché basta osservare quello che è accaduto nel Regno Unito che potrebbe essere il 'film' osservato in altri Paesi Ue - ha detto Lopalco - L'abbiamo già visto con la variante inglese. L'unica differenza è che il livello di copertura vaccinale è abbastanza buona e siamo in estate, in qualche maniera l'estate rallenta l'andamento del virus. Quindi timori ci sono ma moderati, non sono spaventato più di tanto. La circolazione virale è ancora bassa e concentrata soprattutto tra i giovani". "La prevalenza della variante Delta in Puglia è del 16%, questo dall'ultimo report che dovrà essere aggiornato la prossima settimana", ha detto poi l'assessore.

Lopalco infine si è detto ottismista che "a settembre si riparta con la scuola in presenza al 100%".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Discoteche, Lopalco per la riapertura: "Stessi rischi di una spiaggia affollata con musica, può essere occasione di screening"

BariToday è in caricamento