Mercoledì, 19 Maggio 2021
Attualità

Rete di sostegno ai giovani diabetici, nel Consiglio direttivo entra la barese Lucia Vitale

Ieri si è conclusa la tre giorni di lavori a Bari di Agd Italia, che riunisce 51 associazioni di aiuto a bambini e giovani con diabete

Al centro nella foto, Lucia Vitale (Foto nell'articolo: la nuotatrice Michela Cogo)

C'è anche un po' di Bari nel direttivo nazionale di AGD Italia, la rete di Associazione di aiuto a bambini e giovani con diabete. Nel nuovo Consiglio direttivo è stata eletta infatta una barese, Lucia Vitale, già presidente di Apgd Bari e vicepresidente della neonata AGD Puglia. Il rinnovo del Consiglio è avvenuto al termine della tre giornate di lavori di AGD Italia, tenutasi proprio nel capoluogo pugliese, con la partecipazione di 51 associazioni dei genitori di bambini con diabete di tipo 1 da tutta Italia.

Michela_Cogo_AGD1-2Nel Consiglio direttivo sono stati eletti anche Giovanni Lamenza - presidente uscente - Maria Lisa Calzetti, Debora Feroldi, Francesca Magnano, Fabiano Marra, Raffaele Pediliggieri, Raffaella Sommacal e Laura Tamberi. Durante l'incontro è stata anche scelta la nuova testimonial dell'associazione: si tratta di Michela Cogo, 22enne campionessa di nuoto in acque libere della provincia di Verona, affetta da diabete di tipo 1. Insieme all’orsetto Lino, il peluche che 'coccola' e aiuta i nostri bambini, porterà la sua voce e la sua storia di atleta con diabete in giro per il Paese. Durante l'assemblea di chiusura dell'evento, tenutasi ieri, le è stata anche consegnata la maglietta ufficiale del Lino nuotatore.

"Dalla tre giorni del coordinamento nazionale delle associazioni di genitori di bambini con diabete del nostro Paese - ha detto in chiusura di lavori Giovanni Lamenza - sono emersi due messaggi importanti. Il primo è che l’affluenza, la partecipazione e l’energia che c’è stata dimostrata confermano ancora una volta la risorsa estremamente importante che è nel terzo settore, nelle associazioni di volontariato. La seconda è che abbiamo davanti una strada ancora difficile da percorrere. Le istituzioni devono ancora rivolgerci un ascolto attivo perché la disparità di trattamento di equità di accesso alle cure sul nostro territorio è ancora estremamente disuniforme".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rete di sostegno ai giovani diabetici, nel Consiglio direttivo entra la barese Lucia Vitale

BariToday è in caricamento