Tenacia da 'kaka kazz' e spirito intraprendente: la storia di Luigi, da Palo a Glasgow per diventare ristoratore di successo

Trentotto anni, in Scozia dal 2003, ha aperto quattro locali e ricevuto riconoscimenti. La curiosità? La sue società portano nomi decisamente familiari per i baresi, tutti con un'unica... parola in comune

Luigi Aseni (foto Fb)

Questa è una storia di successo, da parte di chi con caparbietà e tanta intraprendenza ha lasciato i confortevoli lidi pugliesi per fare fortuna nella lontana terra di Scozia. E' però, anche una storia estremamente singolare che, dalla sua, ha quel briciolo di follia e sano spirito barese. Un carattere che accompagna in ogni sua avventura imprenditoriale Luigi Aseni, 38enne imprenditore nato a Palo del Colle, da 14 anni a Glasgow dove, passo dopo passo ha costruito una carriera di tutto rispetto nel mondo della ristorazione. I suoi 4 locali sono tra i più apprezzati e uno di questi, il 'Boteco do Brasil' è stato recentemente premiato con lo Scottish Enterntainement Award come il migliore di tutta la Scozia.

Da 'Rumba kazz' a 'Skassa kazz'

Oltre alla qualità del servizio, al buon cibo, e alla gradevolezza degli ambienti, c'è qualcosa che li rende decisamente unici nel panorama aziendale britannico: andando a leggere i nomi delle società fondate da Aseni per gestirli, scopriamo, nell'ordine 'Rumba Kazz', 'Scassa Kazz' e 'Kaka Kazz'. Parole che nella linguistica d'Albione non vogliono dire praticamente nulla, dal significato ben noto se ragioniamo con la 'capa' barese: "Quando aprii il mio primo locale nel 2010, il Boteco a Glasgow - racconta Aseni - dovevo scegliere una parola per creare la società con cui l'avrei gestito (limited in inglese, ndr). Ho pensato a Rumba Kazz che da qui viene letto con una dolce s finale. Aveva un suono abbastanza sudamericano. Visti i risultati positivi abbiamo deciso di proseguire su questo trend". Coerentemente, lo stesso filone è stato seguito per gli altri locali aperti dall'intraprendente ristoratore di Palo: prima la seconda sede del Boteco ad Edimburgo, poi il Mango, un pub per studenti a Glasgow, infine il 'Piccolino', una "bomboniera" del gusto italiano, sempre nella seconda città di Scozia.

L'imprevista svolta scozzese e l'ascesa

La storia di Luigi è finita sulla scrivania di Milena Gabanelli e della sua rubrica di successo 'DataRoom' sul Corriere della Sera, diffondendosi in breve tempo sui social in tutta Italia. L'incipit, però, risale al 2003: "Lavoravo come ragioniere per un'agenzia di rappresentanze di prodotti alimentari attiva in tutta la regione. Decisi di voler cambiare per un po' aria e mi aggregai a un gruppo di italiani che partivano per la Scozia per andare a lavorare in un ristorante. Pensavo sarei rimasto 3-6 mesi per poi rientrare, invece sono rimasto in Gran Bretagna". Cinque anni dopo Luigi ebbe la sua prima esperienza come imprenditore assieme a due amici scozzesi con i quali avviò una sala concerti gestendola per alcuni anni. Nel 2010 il grande salto: "Volevo mettermi in proprio e mi venne in mente - spiega - l'idea di aprire un ristorante brasiliano qui a Glasgow, in una zona piena di locali etnici". Il risultato è stato decisamente positivo. Aseni ha messo radici in Scozia con i genitori e la sorella che si sono trasferiti dalla Puglia nelle lande scozzesi.

"Umiltà e piedi per terra. In Scozia anche un ventenne può mettersi in gioco"

Spirito d'iniziativa tutto pugliese che si somma alla voglia di lavorare e mettersi in gioco: "Noi italiani - dice Luigi - riusciamo ad esprimerci al meglio all'estero anche per la caparbietà e la determinazione con cui perseguiamo i risultati. Io ce l'ho messa tutta e ho cercato di mantenere i piedi per terra. Dal punto di vista burocratico è più semplice avviare un'attività qui ma ci sono comunque scadenze e leggi da rispettare. La vera differenza è che in Scozia anche se hai 20 anni puoi giocarti le tue carte. Se uno vale e ha intraprendenza viene ascoltato. Da noi in Italia, invece, bisogna aspettare magari i 40 anni per ottenere una posizione, specie nell'ambito della ristorazione". Il futuro di Luigi Aseni, per ora, è tutto a tinte britanniche, senza escludere nulla: "Scartare l'opzione di tornare in Italia? No, ma semplicemente non mi ci vedo nel prossimo futuro. Vorrei espandere il Boteco in altre città scendendo verso l'Inghilterra, magari a Manchester, senza ovviamente fare passi avventati". La Puglia, però. non manca mai nella quotidianità dell'imprenditore di Palo del Colle: "Una volta l'anno torno a casa anche perché altrimenti mia nonna si arrabbia - scherza Aseni - . E poi, essendo una buona forchetta e avendo mia madre a casa qui in Scozia, non si può fare a meno dei nostri sapori a tavola". L'identità pugliese, si sa, resta per sempre e il nome con cui battezzerà l'ultima società da avviare per acquistare i muri del suo quarto locale sudamericano ne è l'esempio lampante: 'Mango pu kazz'. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni regionali Puglia 2020: i risultati delle liste, preferenze e consiglieri eletti

  • Elezioni Regionali Puglia 2020: i risultati in diretta

  • Regionali Puglia 2020, chiusi i seggi nella prima giornata di voto: corsa a otto per la presidenza

  • Regionali Puglia 2020, i risultati: preferenze consiglieri Partito Democratico

  • Verso il nuovo Consiglio regionale, i nomi: Lopalco superstar, boom Paolicelli e Maurodinoia. A destra c'è Zullo, M5S con Laricchia

  • Regionali Puglia 2020: i risultati | Percentuali e voti dei candidati presidente

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BariToday è in caricamento