Mascherine, tutto su modelli e caratteristiche. Come avere (scontate) quelle lavabili

Tutte le tipologie di mascherine e gli sconti speciali per i lettori di BariToday

Continuano le raccomandazioni sui giusti comportamenti da adottare per prevenire il contagio da Coronavirus. Per affrontare l'emergenza sanitaria occorre però una buona conoscenza su quali mascherine acquistare perchè in commercio ne esistono differenti  tipologie e ognuna adatta a diversi contesti e necessità: bisogna saper distinguere tra quelle per ambiente sanitario, quelle per l'industria e quelle per le aziende.. Vediamo insieme le diverse tipologie e alcuni consigli utili su come maneggiarle.

Come avere mascherine riutilizzabili lavabili scontate del 15%

Quando usare la mascherina

Innanzitutto è utile capire bene quando ha senso utilizzare le mascherine, ossia in contesti in cui vi è un’elevata circolazione del virus e/o dove non si possono mantenere le distanze necessarie tra chi è infetto e chi non lo è. In tutte queste situazioni il dispositivo è quindi una barriera fisica necessaria tra la persona contagiata, spesso asintomatica, e gli altri.

Fondamentali per gli operatori sanitari e di assistenza sociale, le mascherine diventano indispensabii anche per tutti i cittadini che si muovono e che lavorano durante una pandemia come quella da Covid-19: se infatti il virus, stando alle ultime ricerche scientifiche, non resterebbe “sospeso” nell’aria, una protezione in più riduce comunque al minimo la possibilità di contagio.

I diversi tipi di mascherine

Appurato quando è utile e quando è indispensabile utilizzare le mascherine, è bene comprenderne l’efficacia. Non tutte le mascherine, infatti proteggono allo stesso modo, ma esistono diversi tipi di dispositivi che garantiscono vari gradi di protezione. In particolare:

Mascherine semplici, a uso igienico: questo dispositivo viene utilizzato in alcuni contesti aziendali o industriali. E' un prodotto generico, non previsto per l’utilizzo sanitario e che quindi non deve rispettare le norme disposte per le altre tipologie (le mascherine chirurgiche e i filtranti facciali).

Mascherine chirurgiche, per uso medico: sono composte da tre strati di tessuto-non-tessuto plissettato che si indossano sul volto grazie a elastici o lacci. Questo tipo di dispositivo deve rispettare determinati requisiti tecnici e passare alcuni test specifici per verificare se la mascherina blocca le goccioline contaminate da batteri.

Maschere filtranti, dette anche filtranti facciali per la protezione individuale (da cui FFP). Sono mascherine in grado di bloccare il passaggio di particelle di dimensioni estremamente piccole, evitando totalmente eventuali aerosol infetti da virus, ma anche fumi pericolosi. Queste FFP sono i veri e propri dispositivi di protezione individuale e infatti devono rispettare una normativa rigorosa. La loro efficacia filtrante viene indicata con sigle FF da P1 a P3 a seconda della capacità crescente di protezione. In ambito sanitario vengono usate le FFP2 e 3, che hanno un’efficacia filtrante rispettivamente del 94% e del 99% e sono le più indicate per bloccare i virus. Se sono monouso, queste maschere vanno gettate dopo un turno di utilizzo o dopo un determinato numero di ore.

In generale è bene ricordare che l'uso della mascherina non deve far abbassare il livello di guardia sul rispetto di tutte le norme igieniche previste per prevenire la diffusione del coronavirus, come lavarsi spesso le mani, tossire e starnutire nell'incavo del gomito, soffiarsi il naso usando fazzoletti monouso.

Dove acquistare mascherine in tessuto R-PET riutilizzabili a prezzi scontati fino al 15%

Per i lettori di BariToday è possibile acquistare on-line le mascherine in tessuto R-PET (Pet riciclato o Pet polimero) lavabili e riutilizzabili, con uno sconto fino al 15%. Spedizione gratuita in tutta Italia.

Come toglierle

Una volta chiarita la tipologia delle mascherine e i contesti in cui è necessario indossarle, è bene capire come toglierle e dove riporle. Innanzitutto è importante maneggiarle solo dagli elastici e mai dalla parte anteriore, sul cui filtro potrebbe essere presente il virus. Bisogna poi pensare che quando vengono tolte in casa, possono essere contaminate. E' quindi assolutamente sconsigliabile lasciarle sul tavolo della cucina o su un mobile, mentre è meglio scegliere una "zona filtro" all'ingresso della casa o, se vi è la possibilità, una parte all'esterno e lasciare il dispositivo almeno 24 ore.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piccioni su balconi e grondaie: i sistemi per allontanarli da casa

  • Regionali Puglia 2020, chiusi i seggi nella prima giornata di voto: corsa a otto per la presidenza

  • Chiude dopo più di 20 anni il Disney Store di via Sparano a Bari: a rischio 13 lavoratori, proclamato sciopero

  • Positiva al covid rompe la quarantena ed esce a fare la spesa: denunciata una donna nel Barese

  • Operatrice positiva al Covid, chiude asilo nido a Bari

  • A Bari vecchia 38 positivi al Covid e Decaro mette in guardia i residenti: "A breve confronto con i gestori dei locali"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BariToday è in caricamento