Convenzione scaduta e nessun rinnovo, la protesta dei mercatali di corso Mazzini: "No alla gestione comunale"

Alla base della decisione del Comune vi sarebbe il mancato versamento del 10% del canone mensile negli ultimi 2 ann da parte degli operatori: "Con noi - spiegano - il mercato funziona bene"

Convenzione scaduta e nessun rinnovo da parte del Comune: gli operatori del mercato di corso Mazzini, nel quartiere Libertà di Bari protestano contro il Comune dopo la decisione, di Palazzo di Città,di non prolungare l'affidamento della gestione della struttura alla cooperativa Piazze e Mercati del Levante, che si è occupata dell'area mercatale sin dalla sua apertura, nel lontano 2002. Alla base della decisione del Comune vi sarebbe il mancato versamento del 10% del canone mensile (circa 27 euro su 270) da parte degli operatori negli ultimi 2 anni, per un arretrato che ammonterebbe a circa 50mila euro. Nella struttura coperta attualmente vi sono 66 box attivi, su oltre 90 totali.

Una situazione ingarbugliata, ulteriormente complicata dal ricorso al Tar presentato dagli avvocati della cooperativa contro il provvedimento di rientro in possesso del mercato da parte degli uffici comunali: la mossa avrebbe, al momento, bloccato le intenzioni di Palazzo di Città di riprendersi le chiavi della struttura, alla scadenza naturale del contratto. Se ne riparlerà, con ogni probabilità. a settembre. Nel frattempo gli operatori sono amareggiati e motivano così la loro decisione di non pagare, per anni, la quota al Comune: "Da diverso tempo ormai - spiega a BariToday Vito Cassano, presidente della cooperativa che gestisce anche il mercato di San Girolamo - , lamentiamo problemi con il parcheggio gratuito accanto al mercato. Spesso è pieno di auto parcheggiate da chi si reca negli uffici circostanti. La nostra è una zona affollata che comprende anche i Tribunali. Avevamo da tempo proposto il pagamento di una tariffa anche con disco orario. Non siamo stati ascoltati. Di fatto, con la mancanza delle strisce blu, non è stato possibile incassare diverse migliaia di euro. Abbiamo perso soldi noi e il Comune".

Cassano sottolinea lo stato in cui versa il mercato con la gestione della cooperativa: "La struttura è pulita e dotata di guardiania, poiché con una somma mensile provvediamo a tutte le spese e alle utenze. Temiamo che con la gestione al Comune il mercato possa non essere più quello che è adesso, peggiorando notevolmente il servizio. La nostra gestione - rimarca Cassano - è portata avanti da persone interne al mercato. Non vi sono soggetti esterni. Al momento non sappiamo cosa succederà a settembre ma siamo pronti a protestare se non saranno ascoltate le nostre ragioni" conclude Cassano. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, in Puglia undici nuovi casi: cinque contagi registrati nel Barese, i pazienti positivi salgono a 170

  • Coronavirus, la Puglia registra 23 nuovi casi. Tre positivi nel Barese: "Due già in isolamento, un altro paziente arrivato da fuori regione"

  • "Il Covid colpisce anche d'estate. Sbagliato salutare con baci e abbracci": l'infettivologa invita a non abbassare la guardia

  • Come eliminare il grasso in eccesso? Gli specialisti di Bari usano... il freddo!

  • Sette nuovi casi di Coronavirus in Puglia (su oltre 2200 test): tre sono in provincia di Bari

  • Temporali in arrivo nel Barese: la Protezione civile lancia l'allerta meteo gialla

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BariToday è in caricamento