rotate-mobile
Attualità Libertà

Mercato di via Nicolai, pavimenti sconnessi e caduta dei calcinacci: "Attendiamo inutilmente interventi"

Ad aprile i commercianti del Don Bosco avevano incontrato gli assessori Palone e Galasso, per esporre i un documento di otto punti tutte i loro disagi, ma ora non si sono visti risultati concreti

Ad aprile l’incontro con l’assessora comunale al Commercio, Carla Palone, e con quello ai Lavori Pubblici, Giuseppe Galasso. Le richieste poste nero su bianco su un documento consegnato agli amministratori e l’attesa. Per ora vana. I commercianti del mercato coperto Don Bosco di via Nicolai sono pronti alla mobilitazione. Chiedono interventi immediati da parte del Comune: riparazione e ristrutturazione della pavimentazione all’interno dell’area mercatale, in più punti sconnessa, deteriorata e a rischio incidenti, quella delle volte, dalle quali in più episodi sono caduti calcinacci, e ancora l’installazione di videocamere di sorveglianza e un servizio di guardiania o contro i furti e quello per la raccolta differenziata. “È inconcepibile – sottolineano – che in un luogo pieno di attività come il nostro non ci siano raccoglitori per l’organico e la plastica”. La denuncia è anche accompagnata da foto e video che ritraggono i disagi esistenti.

Il documento presentato riporta le considerazioni e le richieste in otto punti, per ottenere anche la disinfestazione periodica dei locali, il ripristino dell’illuminazione perché alcuni fari sono fuori uso e un altro punto più prettamente programmatico. Gli operatori, infatti, vorrebbero conoscere il cosiddetto progetto Bis con il piano di intervento per la riqualificazione del quartiere Libertà, che lo ospita, per apprendere quali accorgimenti saranno dedicati alla Manifattura Tabacchi, che dovrà ospitare il nuovo Centro nazionale di ricerca (Cnr) per “concordare con l’amministrazione comunale le migliori soluzioni per la realizzazione di un’area mercatale più funzionale, più servita e meglio integrata nella visione futura dl progetto”.

Alle rimostranze dei mercatali c’è stato ascolto da parte degli assessori comunali ma finora non si sono visti i risultati. Gli operatori hanno provato a prendere anche contatti con l’ufficio tecnico incaricato di far eseguire per lo meno i lavori più urgenti, ma dopo un breve rimpallo tra assessorato e gli stessi tecnici,  si attendono veri e propri risultati. “Gli interventi per porre rimedio e riparare con rattoppi la pavimentazione sono previsti ad horas - spiega Galasso – immediatamente. Per il resto bisogna considerare che i mercatali occupano all’incirca la metà dei box disponibili e non in maniera uniforme. Questo potrà essere un vantaggio per i progetti di ristrutturazione. Ci sono le condizioni ottimali perché ci sia un’intera riqualificazione dell’area mercatale, agendo per step, un passo alla volta, capendo come e dove intervenire. Ai tecnici però abbiamo già dato mandato di intervenire con dei rappezzi, vale a dire non per forza con le stesse mattonelle purché siano eliminate le condizioni di inciampo, lavorando fuori dagli orari di lavoro. Sono interventi di poche migliaia di euro su poche zone, soprattutto in quelle di transito. Ma nel frattempo dobbiamo mettere in sicurezza le volte per evitare il distacco degli intonaci, sempre al di fuori degli orari di lavoro. Una parte – aggiunge Galasso – è stata già completata. Rimane la restante. Di lì in poi si potrà ragionare di riqualificazione generale della struttura”. Lavori urgenti, per lo meno quelli per la messa in sicurezza della pavimentazione, che però i mercatali attendono siano ancora realizzati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mercato di via Nicolai, pavimenti sconnessi e caduta dei calcinacci: "Attendiamo inutilmente interventi"

BariToday è in caricamento