menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Porto turistico al molo San Cataldo, nuovo step verso la realizzazione: c'è l'accordo Comune-Autorità portuale

Siglata l'intesa per la valorizzazione dell'area: la realizzazione di una banchina per l'attracco di tre pattugliatori, consentirà anche di attrezzare, attraverso i privati, i servizi per l'approdo di imbarcazioni da diporto superiori ai 12 metri

Nuovo step verso la realizzazione del porto turistico nel molo San Cataldo. E' stato siglato questa mattina, l'accordo tra il Comune di Bari e l’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Meridionale (AdSP), con cui l’AdSP si è impegnata ad assumere la funzione di stazione appaltante per la progettazione, direzione lavori, misura, contabilità delle opere e collaudo finale, mentre al Comune - è spiegato in una nota di Palazzo di Città - spetterà facilitare il percorso amministrativo ed effettuare una verifica preliminare della documentazione relativa alla richiesta di variante necessaria per la realizzazione degli interventi previsti.

L'accordo odierno segue quello già stipulato a febbraio 2018 tra Autorità portuale, Ministero delle Infrastrutture e Porto di Bari, per il supporto in fase tecnico-progettuale. Il progetto riguarda la realizzazione di tre punti di ormeggio nel molo San Cataldo, per una lunghezza di circa 400 metri di banchina, e l’esecuzione di infrastrutture logistiche asservite alla sede del porto rientrano tra i fabbisogni infrastrutturali-logistici individuati nel Piano programmatico degli investimenti 2014-2020 del Corpo delle Capitanerie di Porto.

La valorizzazione del molo San Cataldo in chiave turistica, ricorda la nota del Comune, si inserisce in un più ampio programma di interventi per il quartiere San Cataldo, tra cui la riqualificazione dello spazio pubblico in prossimità del lungomare Starita con la realizzazione del giardino del faro e delle spiagge antistanti la fiera del Levante; la progressiva riconversione della Fiera del Levante per la creazione di spazi museali e contenitori dedicati allo spettacolo e al cinema; la riqualificazione dell’area del CUS con il potenziamento dei servizi e le aree dedicate allo sport e al tempo libero.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento