menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Covid, Puglia in zona rossa anche dopo Pasqua: è ancora tra le regioni a 'rischio alto'. Indice Rt a 1,09

I dati contenuti nell'ultimo report di Istituto superiore di Sanità e ministero della Salute relativo alla settimana 22-28 marzo. La situazione pugliese resta ancora molto seria

La situazione Covid in Puglia resta grave. La nostra regione, infatti, è tra le sei indicate con livello di rischio 'alto' nell'ultimo report del monitoraggio Iss-ministero della Salute,  reso noto oggi e relativo alla settimana 22-28 marzo.

Mentre a livello nazionale l'indice Rt torna sotto 1 e arriva a 0,98, e l'incidenza cala a 232, la Puglia resta tra le regioni che continuano a presentare uno scenario di criticità. L'Rt, il parametro che misura la velocità di trasmissione del virus, si attesta nella nostra regione a 1.09, in calo rispetto alla scorsa settimana ma ancora sopra la soglia di allerta che è pari a 1. Inoltre, la Puglia è anche tra le quattro regioni italiane che per le quali sono segnalate "molteplici allerte di resilienza".

Come si legge nel report, "complessivamente il rischio epidemico si mantiene a livelli elevati con sei Regioni (Calabria, Emilia-Romagna, Liguria, Puglia, Toscana e Veneto) che hanno un livello di rischio alto secondo il DM del 30 Aprile 2020". La Puglia è inoltre, come già detto, tra le undici Regioni "con un Rt puntuale maggiore di 1", insieme a Basilicata, Calabria, Campania, Liguria, Marche, Sardegna, Sicilia, Toscana, valle d'Aosta e Veneto.

Sempre alta anche l'incidenza, che resta ben sopra il limite dei 250 casi per 100mila abitanti, attestandosi nella settimana in questione oltre i 300 casi.

Con tale scenario, la Puglia si appresta dunque a restare in zona rossa anche dopo il weekend di Pasqua, con le restrizioni destinate probabilmente a durare almeno per altre due settimane. Per la promozione in una zona con meno restrizioni, infatti, occorrono due monitoraggi successivi con dati in miglioramento tenendo conto del rischio e dello scenario. Come da Dpcm, invece, il parametro dell'incidenza superiore ai 250 casi ogni 100mila abitanti (come nel caso della Puglia) fa scattare l'automatismo della zona rossa.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento