Morì per salvare bimbi in mare, medaglia d'oro al Valore civile per Cesare Dentico

Il riconoscimento alla memoria consegnato ieri: accolta la richiesta formulata dal Comune all'indomani della morte dell'uomo, che nel 2015 soccorse alcuni bimbi che rischiavano di annegare nelle acque di Castellaneta

Non esitò a tuffarsi nelle acque di Castellaneta Marina per salvare dei bambini che rischiavano di annegare. Un gesto di coraggio e di altruismo che quel 14 giugno 2015 a Cesare Dentico, barese di 44 anni, costò la vita. Ieri, nel corso della cerimonia per la consegna delle onorificenze 'Al merito della Repubblica Italiana', ai familiari di Dentico è stata consegnata una Medaglia d'oro al Valore Civile alla memoria di Cesare, concessa con decreto del Presidente della Repubblica.

Un riconoscimento che lo stesso sindaco di Bari, Antonio Decaro, aveva sollecitato nel luglio 2015, scrivendo una lettera all'allora ministro dell'Interno, Alfano.

"Sono passati 3 anni e 6 mesi da quel 14 giugno in cui Cesare Dentico morì nel mare di Castellaneta per salvare delle giovani vite - ricorda il sindaco con un post su Facebook - Nei giorni a seguire tante parole furono spese ma forse questo Paese mai aveva detto veramente grazie a questo uomo coraggioso che non ha esitato a tuffarsi in mare per salvare un gruppo di bambini. Ancora oggi le loro famiglie, rimaste anonime, non hanno mai parlato, neanche per dire grazie. Per fortuna, questo Paese complesso, con tanti problemi, a volte ingiusto, ieri ha scritto la parola Eroe sulla storia di un cittadino barese, morto semplicemente perché era un bravo cittadino. Una brava persona. Con decreto del presidente della Repubblica Cesare Dentico è stato insignito dell'onorificenza al merito di Cavaliere della Repubblica italiana, come aveva richiesto la città di Bari qualche settimana dopo la sua morte. Questo è il minimo che ti dobbiamo, tutti, per sempre. Ciao Cesare, da oggi Cavaliere del coraggio del nostro Paese".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Puglia resta 'zona arancione', la decisione del ministro Speranza: misure confermate

  • Dagli spostamenti tra regioni ai cenoni (vietati), il nuovo Dpcm e le misure al vaglio per Natale

  • Asfalto viscido per la pioggia, auto si ribalta e finisce fuori strada: muore 19enne

  • Folle inseguimento a 120 km/h per le strade di Carbonara: arrestato pregiudicato 33enne

  • Calano le occupazioni delle terapie intensive covid in Puglia: migliora anche il trend dei contagi sui tamponi eseguiti

  • Spostamenti ingiustificati fuori Comune, cibi e bevande consumati nei pressi di bar e locali: controlli anticovid e multe nel Barese 

Torna su
BariToday è in caricamento