Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Attualità Mola di Bari

Dai lavori con Pasolini ai viaggi in Vietnam e lungo la Puglia: addio a Cecilia Mangini, la prima documentarista italiana

Aveva 93 anni ma l'energia e il modo di vestirsi sobrio di una ragazza dallo sguardo curioso. È stata pioniera e maestra del cinema, un'intellettuale sempre in movimento capace di raccontare l'Italia come pochi

Cecilia Mangini non è solo stata la prima documentarista italiana, per tanti è stata la migliore. Una donna straordinaria, minuta, dall’energia e il modo di vestirsi sobrio di ragazza dallo sguardo lucido e profondo, di intellettuale che ha attraversato il nostro tempo. È morta giovedì 21 gennaio a 93 anni a Roma, dove abitava da tempo. Ma era pugliese, di Mola di Bari,cresciuta tra la terra di suo padre e Firenze, città di origine della madre. E alla Puglia, alla sua terra, al viaggio oltre i confini dell’Ofanto, alla vita dei contadini divenuti operai del petrolchimico di Brindisi o dell’allora Italsider di Taranto, alle condizioni di vita della Grecìa salentina degli anni Sessanta, ha dedicato dei documentari da maestra della cinepresa e della macchina fotografica quale era.

Cecilia Mangini ha lavorato, tra gli altri, con Pierpaolo Pasolini, e il marito, regista, Lino Del Fra. Le loro prime opere sono dedicati alle periferie, agli emarginati degli agglomerati urbani che crescevano a dismisura negli anni del boom economico, come in Ignoti alla città, ispirato proprio a Ragazzi di vita di Pasolini. Il suo sguardo verso le giovani generazioni e le evoluzioni del nostro Paese è stato attento e ricco di curiosità non comuni. Nel suo lungo percorso anche di militante del Pci, si contano un viaggio straordinario per raccontare il Vietnam del ’65. A lei e alla sua testimonianza il regista salentino Paolo Pisanelli ha dedicato Due scatole dimenticate, documentario con protagonista la sua incredibile esperienza nel Paese asiatico. E ancora i documentari sulla condizione della donna a cavallo di quegli anni o All'armi siam fascisti, lavoro che recuperava dagli archivi immagini d’epoca e inedite montate con ritmo ed efficacia sorprendenti per raccontare l’ascesa del fascismo in Italia fino ai riverberi del governo repubblicano di Tambroni. All'armi siam fascisti è stato proiettato in una sezione speciale a lei dedicata nell’edizione del Bifest di Bari del 2016, cui presenziò.

Fu un’intera retrospettiva realizzata dal più importante festival del cinema in terra di Puglia, servita anche a restituire a una delle più grandi intellettuali e personalità artistiche contemporanee l’omaggio che meritava. Come una puntata Rai de I dieci comandamenti del 2018 di Domenico Iannacone e In viaggio con Cecilia, documentario attraverso la Puglia del 2013 girato assieme a Mariangela Barbanente, nel quale interrogava i giovani tra i locali serali di Brindisi, cui domandava perché non si ribellassero all’inquinamento e alla condizione di sfruttamento, chiedendo diretta: “Chi te lo ha impedito di informarti?”. E come le parole di chi la ricorda assieme alla sua interminabile curiosità dopo la notizia della sua scomparsa.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dai lavori con Pasolini ai viaggi in Vietnam e lungo la Puglia: addio a Cecilia Mangini, la prima documentarista italiana

BariToday è in caricamento