rotate-mobile
Sabato, 21 Maggio 2022
Attualità

Un murale dedicato a Pier Paolo Pasolini, quasi ultimata l'opera collettiva pensata da Retake: sarà inaugurata a fine mese

I lavori, avviati lo scorso 2 marzo, sono stati completati al 90%: l'opera, omaggio all'intellettuale nel centenario della sua nascita, è realizzata dai volontari dell'associazione in collaborazione con lo street artist Fnkey?

Mancano gli ultimi dettagli, e il tocco finale dell'artista Fnkey?. Poi il murale dedicato a Pier Paolo Pasolini, nel sottopasso Duca degli Abruzzi a Bari, sarà completo e pronto per l'inaugurazione. Anche durante questo fine settimana i volontari di Retake, l'associazione che ha lanciato e ideato l'iniziativa per omaggiare il poeta, scrittore e regista nel centenario della sua nascita, hanno lavorato all'opera, avviata lo scorso 2 marzo con il primo intervento dello street artist Fedeliano Nacucchi, autore del murale (in collaborazione, appunto, con Retake).

"L'opera è completa al 90% - spiega a Baritoday Fabrizio Milone, referente dell'associazione - In questi giorni abbiamo portato avanti gli interventi che potevamo fare noi volontari, poi ci sono fasi più delicate che spettano all'artista. In questo fine settimana ci sono stati anche tanti bambini, così come abbiamo lavorato con i ragazzi del circuito penale". Così, grazie alla collaborazione di tutti, l'opera ha preso forma, unendo all'intento celebrativo quello della riqualificazione di un altro angolo della città, da sempre 'missione' di Retake: "I nostri sono tutti murales collettivi - sottolinea Milone - come è stato per l'opera dedicata a Morricone, nascono dalla partecipazione, dal coinvolgimento dei cittadini".

Alla città di Bari Pasolini aveva dedicato un racconto breve, intitolato 'Le Due Bari', e la scelta di realizzare il murale nel sottopasso Sant'Antonio si lega, come spiegato dai volontari, alla sua visita in città, nel 1951: "Pasolini visitò Bari nel 1951 e regalò alla nostra città parole, impressioni, suggestioni che ancora riempiono anima e cuore. Realizzeremo il murale nelle vicinanze della stazione dove lui probabilmente pernottò", avevano annunciato i volontari lanciato l'iniziativa. 

La realizzazione dell'opera è stata possibile grazie alla sinergia con Rfi, che in breve tempo si è attivata e ha concesso i permessi per l'utilizzo del muro. "Sono stati molto sensibili al tema - sottolinea Milone - Si spera che da questa collaborazione possano partire una serie di eventi di street art che possano interessare tanti muri come questo, che in una città attraversata dalla ferrovia come Bari abbondano". Vista la particolare ubicazione del murale, in un punto molto trafficato della città, per la sua realizzazione sono state utilizzate speciali vernici anti-smog, in grado di assorbire CO2 ed inquinanti. 

Intanto, in attesa delle ultime lavorazioni, per l'inaugurazione dell'opera si pensa già a una data, che potrebbe essere quella del 26 marzo: "Se il meteo lo consentirà, la data sarà quella - dice Milone - Ormai ci siamo".

(I volontari impegnati nella realizzazione del murale - Foto Retake Bari)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un murale dedicato a Pier Paolo Pasolini, quasi ultimata l'opera collettiva pensata da Retake: sarà inaugurata a fine mese

BariToday è in caricamento