menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Nuovo logo per l'Arcidiocesi di Bari-Bitonto: "Rappresenta i segni peculiari delle due Chiese"

Nel nuovo simbolo compaiono le figure stilizzate del Cristo Pantocratore e del grifo, entrambi presenti in reliquie ed edifici sacri

Si aggiorna il logo dell'Arcidiocesi di Bari-Bitonto, puntando sui segni peculiari delle vicende storico-artistiche delle Chiese locali dei due territori. La nuova veste grafica si struttura così in due elementi stilizzati: il Cristo Pantocratore della lettera istoriata del rotolo del Benedizionale di Bari e il grifo composto a tessere musive del pavimento della chiesa concattedrale di Bitonto.

Il significato

Andiamo a vedere nello specifico cosa vogliono significare. Il Benedizionale di Bari (1025-1050) è uno dei quattro rotoli della liturgia pasquale, di età medievale, composti a Bari e custoditi nel museo diocesano di Bari. L’iniziale della parola Vere è rappresentata con richiami grafici all’ultima lettera dell’alfabeto greco, l’Omega, con intensi legami al passo neo-testamentario: "Io son l’Alfa e l’Omega, il primo e l’ultimo, il principio e la fine. Beati coloro che lavano le loro vesti per aver diritto all’albero della vita e per entrare per le porte nella città" (Ap 22, 13-14). La lettera istoriata, secondo i canoni di tradizione benedettina, contiene l’immagine di un Cristo Pantocratore, benedicente alla greca ed è possibile leggerla con la scena della benedizione al fonte. É il Battesimo la porta d’ingresso alla vita nuova in Cristo.

Passando all’immagine del Grifo, invece, il suo utilizzo ha radici che risalgono al 3000 a.C. in Mesopotamia, come vessillo di difesa. La sua composizione presenta varianti, tra i due animali raggruppati: leone ed uccello. Il significato cristiano, allude al dogma delle due nature dell’unica persona del Verbo Incarnato. É Isidoro di Siviglia, nella sua opera, che ne dà l’interpretazione: "Christus est leo pro regno et fortitudine [...] aquila propter quod post resurrectionem ad astra remeavit" (Etym., XII, 2, 17). Tale motivo ha una larga diffusione: sarcofagi, portali, capitelli, pavimento. L’opera bitontina costituisce un tassello delle varie costruzioni e fasi di edificazione della cattedrale. L’opera s’inserisce in un’ambiente quadrangolare, facente parte di una torre della precedente chiesa (XI sec.).
Le due figure componenti il logo sono così l’accesso per conoscere la storia di due Chiese locali, oggi (1986) un’unica Chiesa diocesana.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Emiliano contro il coprifuoco alle 22: "Non ha senso e penalizza il turismo". Sulla scuola "il problema è per i mezzi di trasporto"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento