rotate-mobile
Lunedì, 24 Gennaio 2022
Attualità

Dai problemi di viabilità al cantiere della scuola da anni abbandonato: "Noi residenti del nuovo San Paolo dimenticati"

L'amarezza degli abitanti della zona che tornano a chiedere risposte: "Negli anni solo promesse. Si era parlato di una rotatoria, poi più nulla". Il nodo delle opere previste nelle lottizzazioni e mai realizzate. L'assessore Galasso: "Il Comune non può sostituirsi al soggetto attuatore"

"Si chiama 'nuovo San Paolo', ma di nuovo non c'è più niente, anzi non c'è neppure quello che doveva esserci. Dal 2002 c'è un cantiere per la costruzione di una scuola, con tanto di gru, abbandonato. D'estate lì danno anche fuoco alle sterpaglie, ma nessuno fa nulla. Non abbiamo una via di accesso diretto alla zona: si era parlato di una rotatoria, ma non abbiamo più notizie".

zona rotatoria nuovo san paolo-2Dalle parole dei residenti del 'nuovo San Paolo' traspare sconforto. A distanza di anni - dicono - aspettano risposte e interventi che non arrivano. Uno dei disagi maggiori riguarda la viabilità di accesso alla zona: "Al momento, per arrivare qui - spiega un residente - è necessario attraversare tutto il quartiere. Nel 2019 si era parlato della realizzazione di una rotatoria di collegamento alla ex provinciale 54, che avrebbe rappresentato un accesso più comodo e diretto, per i cittadini ma anche, ad esempio, per vigili del fuoco e mezzi di soccorso. Ma non sappiamo più nulla". Sempre due anni fa, era stata aperta una bretella temporanea di accesso alla zona. "Successivamente sarebbe stata chiusa, serviva per i lavori. Lì pochi giorni dopo si verificò un incidente mortale, e comunque non è stata più percorribile", spiega ancora il residente. In generale, gli abitanti della zona si dicono stanchi di "un continuo rimpallo di responsabilità tra Comune e privato", mentre "intanto - ribadiscono - i disagi li soffriamo noi cittadini".

Il nodo dell'intera vicenda, che risale ormai a diversi anni fa, riguarda le opere di urbanizzazione previste nelle lottizzazioni ma mai realizzate (o completate),  come appunto gli interventi sulla viabilità. "Si tratta di un procedimento complicato, che ha visto molte vicissitudini  - spiega l'assessore ai Lavori pubblici, Giuseppe Galasso - Non si tratta di lavori pubblici che il Comune esegue direttamente, ma di interventi che realizza il soggetto attuatore, e il Comune non può sostituirsi ad esso. Sono opere - chiarisce ancora - legate a contratti urbanistici che sono stati fatti negli anni, e che non possiamo disattendere". Al momento, spiega l'assessore, ci sono in corso delle "interlocuzioni tra gli uffici comunali e il soggetto attuatore", con l'obiettivo di sollecitare una risoluzione delle questioni ancora sospese. In merito, nello specifico, alla realizzazione della rotatoria in corrispondenza della ex provinciale 54, l'assessore spiega che quell'intervento, non essendo previsto dalle lottizzazioni Balice 1 e Balice 2, avrebbe potuto essere fatto direttamente dal Comune, come effettivamente era stato detto. La rotatoria sarebbe sorta proprio nella zona in cui era presente la bretella che, spiega Galasso, "rappresentava una viabilità di cantiere, che doveva essere sistemata, un intervento fatto sempre non dal Comune ma dal soggetto attuatore". Anche il progetto della rotatoria, però, resta bloccato alla luce della situazione attuale: "Purtroppo - spiega l'assessore - la funzionalità di quella rotatoria e di tutto il sistema viario esistente è correlata anche all'esecuzione di un altro intervento lì vicino, che purtroppo rientra comunque nelle opere che deve fare il soggetto attuatore". Di qui l'impasse che continua a rendere irrealizzabile l'intervento, e le "interlocuzioni" con l'impresa: "Su questo gli uffici cantiere nuovo San Paolo-2 stanno lavorando, non ci siamo dimenticati". 

Difficile dire, dunque, al momento, se e quando i residenti del 'nuovo San Paolo' potranno vedere realizzati gli interventi che attendono. Sempre a proposito della viabilità nel quartiere, sembrano invece più vicini i lavori per un'altra rotatoria, quella di via Caposcardicchio, nella zona dell'ospedale. Lunedì prossimo, 6 dicembre, scade il termine per la presentazione delle offerte di gara. "Verosimilmente - spiega Galasso - considerando i vari passaggi necessari, a inizio nuovo anno dovremmo cantierizzare, orientativamente per i lavori andrà via un annetto. E' un'altra vicenda che dopo anni siamo riusciti a sbloccare".
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dai problemi di viabilità al cantiere della scuola da anni abbandonato: "Noi residenti del nuovo San Paolo dimenticati"

BariToday è in caricamento