rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022
Attualità

Mascherine al chiuso, cosa può cambiare dal 1° maggio: verso la proroga per cinema e mezzi di trasporto

La decisione del governo attesa nei prossimi giorni: l'obbligo potrebbe essere confermato anche per uffici e luoghi di lavoro in generale, mentre potrebbe saltare per clienti di negozi e supermercati

Mascherine addio dal primo maggio? La decisione del governo dovrà arrivare nei prossimi giorni, ma per quanto la strada dell'allentamento delle restrizioni sia stata ormai intrapresa, è possibile che l'obbligo di utilizzo venga prorogato ancora, almeno per alcuni ambiti.

"Ci sono le condizioni per un'estate senza restrizioni", ha detto il sottosegretario alla Salute Andrea Costa, sottolineando che "dopo due anni di regole e divieti, soprattutto dopo che gli italiani si sono vaccinati, e hanno rispettato tutte le indicazioni del governo, è giusto dare messaggi positivi". Come riporta Today.it, la decisione sull'eventuale permanenza dell'obbligo di mascherine al chiuso e (in caso di assembramenti) all'aperto, arriverà probabilmente a fine mese, una volta monitorati gli effetti degli spostamenti pasquali sulla curva dei contagi. E' possibile che in determinati luoghi al chiuso continueranno a essere necessarie, ma ci sarà un elenco preciso.

Mascherine obbligatorie: esperti divisi

Come ricorda Today, le posizioni degli scienziati sulla necessitò di prorogare l'obbligo di mascherine, sono profondamente diverse. Il microbiologo Andrea Crisanti suggerisce le mascherine solo ad anziani e fragili, in combinazione con la quarta dose, dal momento che "con Omicron è cambiato il paradigma ed è diventato impossibile controllare la diffusione del virus, come dimostra la situazione di Shanghai in lockdown da un mese". Non la pensa invece così Massimo Galli: "La mascherina al chiuso non va abolita, e mi pare fuori discussione sui mezzi pubblici. Poi in molti continueranno a usarla comunque, in fondo siamo un Paese anziano e prudente". Il virologo Fabrizio Pregliasco predica cautela: "L'obbligo di mascherine al chiuso andrebbe prorogato. Se si confermasse un indice di contagio Rt inferiore a 1 allora l'ondata attuale dovrebbe finire, ma questi giorni pasquali potrebbero essere un elemento di rischio per il loro effetto tra 15 giorni". L'epidemiologo Massimo Ciccozzi dice: "Aspetterei i dati di maggio. A oggi dico assolutamente di tenere la mascherina al chiuso e anche all'aperto in caso di grandi aggregazioni. C'è ottimismo, ma bisogna pure avere cautela e buon senso nel valutare i dati settimanali. Aspettiamo la fine di questa settimana, anche se poi ci saranno il 25 aprile e il primo maggio. Io aspetterei". Anche Draghi (positivo al Covid) e Speranza aspettano, e la decisione potrebbe arrivare solo tra 25 aprile e 1º maggio. Il presidente del Consiglio Superiore di Sanità, Franco Locatelli, durante la conferenza stampa al ministero della Salute sulla prosecuzione della campagna vaccinale, è stato netto: "La scelta sull’utilizzo delle mascherine spetta al decisore politico, ma io credo che la mascherina in certi contesti come il trasporto pubblico, cinema e teatro, conferisca una protezione assolutamente importante e fondamentale, io continuerò ad indossarla. È finita l’emergenza ma non è finita la pandemia".

Quali le nuove regole dal 1º maggio 2022?

Cosa potrebbe dunque cambiare? Stando all'ipotesi che sembra al momento più probabile, riporta sempre Today.it, si andrà verso una riconferma delle mascherine sui mezzi di trasporto e al cinema, dove si potrebbe passare però dalle Ffp2 alle mascherine chirurgiche (più economiche). L’obbligo di mascherine al chiuso dovrebbe essere confermato (fino a giugno, poi si vedrà) anche negli uffici e in generale nei luoghi di lavoro. Potrebbe però saltare l'obbligo per i clienti di negozi e supermercati.
 

Tutti gli aggiornamenti e le ultime notizie su Today.it

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mascherine al chiuso, cosa può cambiare dal 1° maggio: verso la proroga per cinema e mezzi di trasporto

BariToday è in caricamento