menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Parco della Giustizia di Bari con tempi più lunghi, D'Attis (Fi): "E' una presa in giro, da Decaro solo critiche"

Il parlamentare forzista: "Il sottosegretario Sisto non solo ha reso noto ciò che Decaro sapeva da tempo ma si guardava bene dal dire, ossia l'esclusione del Parco della Giustizia dal Recovery Plan, ma sta lavorando seriamente per porvi rimedi"

"Se il sindaco Decaro avesse profuso nella realizzazione del Parco della Giustizia di Bari lo stesso impegno che mette per avere l'ultima parola nelle polemiche che lui stesso genera pretestuosamente, oggi Bari avrebbe già un luogo di amministrazione della giustizia degno di questo nome". Ad affermarlo è il deputato di Forza Italia, Mauro D'Attis, criticando il sindaco del capoluogo pugliese dopo che il progetto del nuovo Parco della giustizia alle Casermette è stato escluso dall'elenco delle grandi opere per cui è stato indicato un Commissario da parte del governo, rallentando così l'iter dell'opera. Lo stesso Decaro, nei giorni scorsi, era intervenuto manifestando irritazione per la "grave disattenzione del governo" sull'opera destinata a risolvere gran parte dei problemi legati alla necessità di sedi giudiziarie a Bari.

D'Attis pungola il sindaco: "E' una presa in giro degli operatori della giustizia e di tutti i baresi - dice -  Il sottosegretario Sisto non solo ha reso noto ciò che Decaro sapeva da tempo ma si guardava bene dal dire, ossia l'esclusione del Parco della Giustizia dal Recovery Plan, ma sta lavorando seriamente per porvi rimedio. Decaro invece, oltre a criticare Sisto, cosa sta facendo? E cosa ha fatto in questi anni? Aspettiamo una risposta", conclude.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento