Parco Gargasole raddoppia: da lunedì i lavori per l'espansione. C'è l'intesa, a luglio riprendono le attività condivise

L’accordo prevede un calendario di aperture dell’area verde nella parte attualmente utilizzabile e fruibile alla cittadinanza, per una serie di attività da realizzare in collaborazione con molte altre associazioni locali attive sul territorio

C'è la firma per la gestione condivisa e partecipata del parco Gargasole, nel quartiere Carrassi di Bari. L'intesa, nell'ambito della misura Rigenerazioni creative,ha visto l'assegnazione della  della cura e dell’animazione dello spazio pubblico nel cuore della città l’Aps Masseria dei Monelli e Ortocircuito. L’accordo prevede un calendario di aperture dell’area verde nella parte attualmente utilizzabile e fruibile alla cittadinanza, per una serie di attività da realizzare in collaborazione con molte altre associazioni locali attive sul territorio. Le associazioni, infatti, potranno organizzare iniziative di tipo ricreativo, culturale e sportivo e laboratori ludico-didattico-sociali, oltre che garantire interventi di pulizia straordinaria del parco in vista delle riaperture stagionali estive e autunnali. le attività riprenderanno dal primo week-end di luglio e dovranno prevedere misure anti-contagio covid. La firma dell'accordo è avvenuta stamane a Palazzo di Città

“L’esperienza di parco Gargasole - ha esordito il sindaco Antonio Decaro - è diventata un punto di riferimento per la nostra amministrazione grazie all’intuizione di Carla Tedesco di condividere con i cittadini e le associazioni questo percorso di gestione e animazione degli spazi pubblici. Tutto questo è diventato un modus operandi che ci ha consentito, ad esempio, di modificare il regolamento per la gestione dei beni comuni o di introdurre misure sperimentali di trasformazione urbana come Rigenerazioni creative.

“Oggi abbiamo sottoscritto questo patto di collaborazione con l’amministrazione comunale per la gestione condivisa di parco Gargasole - ha dichiarato Manlio Epifania di Masseria dei Monelli - un’area a lungo in stato di abbandono che è stata riqualificata nel tempo grazie all’impegno delle associazioni e dei residenti. È un percorso che viene da lontano, parte dall’iniziativa dei cittadini e grazie alla volontà dell’amministrazione è diventata patrimonio condiviso della città. Oggi quindi sanciamo l’avvio di una nuova fase della vita del parco facendo tesoro della bellezza generata in questi ultimi anni e della richiesta dei cittadini di vivere appieno quello spazio. Ci siamo fatti carico di questa responsabilità sapendo di poter contare sulla collaborazione e sul coinvolgimento di circa venti associazioni, che con noi gestiranno l’area secondo un calendario di aperture non solo domenicali ma anche infrasettimanali”. Tra le associazioni che fin qui hanno risposto all’appello di Masseria dei Monelli e Ortocircuito per la gestione condivisa di parco Gargasole vi sono Retake, comunità Chiccolino, Terre del Mediterraneo, Eugema onlus, Fillide, Polyxena, Micromacro, LAN - Laboratorio Architetture Naturali, Pigment Workroom, Breathing Art Company, Convochiamoci per Bari, Franziska chef, Sibilla Potenza, le Meraviglie, Confusioni, InConTra e Liberazione.

Da lunedì prossimo, invece, cominceranno i lavori di ampliamento del parco con lo smontaggio e il successivo montaggio della recinzione esistente in base ai nuovi confini determinati dall’allargamento dell’area, ma anche la manutenzione straordinaria del verde e degli alberi esistenti e la riqualificazione del muro laterale che separa gli spazi verdi dalle abitazioni. L'area disponibile passerà da 4550 a 10mila mq. Gli interventi saranno eseguiti per un costo di 99mila euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Puglia 'promossa' da domenica? Dati Covid in miglioramento, si va verso la zona gialla

  • La Puglia 'promossa' da zona arancione a zona gialla (nonostante l'Iss contrario): c'è l'ordinanza del ministro Speranza

  • Nuovo Dpcm: verso lo stop a spostamenti dai Comuni per Natale e Capodanno, dal 21 viaggi tra regioni solo per rientro nella propria residenza

  • Il Dpcm di Conte: la Puglia è arancione (gialla sotto Natale). Si torna a scuola il 7 gennaio. "No non conviventi in casa"

  • L'indice Rt scende sotto l'1 in Puglia e Lopalco risponde ai medici: "Non siamo regione da zona rossa"

  • Stop agli spostamenti tra regioni dal 21 dicembre, comuni 'chiusi' a Natale e Capodanno: il governo approva il decreto

Torna su
BariToday è in caricamento