rotate-mobile
Attualità

Primo lotto del Parco Giudiziario di Bari pronto nel 2028? La delusione degli avvocati: "Tempistiche inaccettabili"

"È inaccettabile la tempistica per la realizzazione del primo lotto del parco della giustizia di cui si è preso atto nel corso della Commissione permanente: il 2028": è quanto afferma il presidente dell'Ordine degli Avvocati di Bari, Giovanni Stefanì, che ha espresso grande delusione dagli esiti della conferenza si questa mattina che all'unanimità "si è espressa invocando un commissario ad hoc e misure straordinarie per addivenire in tempi più brevi di quelli ipotizzati alla realizzazione del nuovo polo giudiziario barese. Sette anni per il solo primo polo: si tratta di un allungamento spropositato dei tempi a cui il foro barese non può sottostare. È giunto il momento che il tema venga posto al centro dell'agenda di governo e, per questo, la commissione permanente ha richiesto formalmente al ministero di Giustizia di inserire il Parco della giustizia di Bari tra le opere da finanziare prioritariamente con le risorse del Recovery Plan".

"La magistratura e l'avvocatura del foro barese, e con loro migliaia di cittadini - aggiunge Stefanì - aspettano da decenni edifici adeguati dove celebrare con dignità la giustizia. Perché rassegnarsi alla burocrazia e alle lungaggini quando in Italia abbiamo esempi di procedure straordinarie in grado di risolvere emergenze gravi come il ponte di Genova e come effettivamente è, oggi, l'edilizia giudiziaria barese? In quel caso lo Stato è riuscito a dare risposta a una situazione di sofferenza di quella comunità che, in due anni, si è vista restituire una grande opera infrastrutturale fondamentale, molto più complessa e difficile per la sua progettazione e realizzazione rispetto a una cittadella giudiziaria" conclude il presidente dell'Ordine degli Avvocati di Bari.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Primo lotto del Parco Giudiziario di Bari pronto nel 2028? La delusione degli avvocati: "Tempistiche inaccettabili"

BariToday è in caricamento