Passerelle mobili per l'accesso ai negozi con le carrozzine: a Bari arrivano le 'rampe del sorriso'

Il progetto è stato ideato grazie all'iniziativa dell'associazione 'Lezzanzare' e della cooperativa sociale 'Zerobarriere' con il sostegno di Comune e numerosi partner: "A dicembre le prime 12 strutture"

Migliorare l'accessibilità dei diversamente abili nei negozi baresi, collocando passerelle mobili e supporti di legno da montare agli ingressi: è l'obiettivo ' Rampe del sorriso', il progetto presentato stamane in Comune, realizzato grazie all'iniziativa dell'associazione 'Lezzanzare' e della cooperativa sociale 'Zerobarriere', promosso dalla rete costituita dagli assessorati al Welfare e allo Sviluppo economico, dall’associazione Help - Assistenza e Tutela per Tutti, dalle aziende Ermanno Dammacco Mobili e Frezza Legnami e dal Rotary Club di Bari.

"A dicembre disponibili già le prime 12 rampe"

Le rampe sono state realizzate dai migranti ospiti di una delle 16 Case di comunità finanziate dall’assessorato al Welfare (Villa Ata e gestita dall’associazione Help), che hanno partecipato ad un laboratorio di falegnameria: “Abbiamo costituito una bella rete dopo l’evento sportivo di triathlon e paratriathlon Bari Zerobarriere che si è tenuto a settembre - ha spiegato Alessandro Antonacci de 'Lezzanzare' -. In quella occasione i ragazzi migranti ci hanno sostenuto e hanno aiutato gli atleti con disabilità nell’accesso e l’uscita dall’acqua, offrendo una straordinaria prova di solidarietà. Nel format di welfare che abbiamo creato abbiamo pensato, quindi, di valorizzare queste persone coinvolgendole nella costruzione delle rampe. Un’operazione di civiltà gratuita per le aziende, che in questo modo hanno un ritorno pubblicitario e vengono interamente rimborsate dallo Stato per aver investito le loro risorse in attività di welfare. A dicembre porteremo direttamente alle attività commerciali disponibili una dozzina di rampe, realizzate con il supporto tecnico dell’ingegner Marco Pellegrini del Rotary Club di Bari”.

"Eliminare le barriere architettoniche"

L'assessore cittadino al Welfare, Francesca Bottalico, ha spiegato la genesi del progetto: "L'idea è nata - ha dichiarato - quando ci siamo confrontati sulla possibilità di rendere generativi i laboratori sociali attivati dall’assessorato al Welfare per gli ospiti delle Case di comunità. I migranti sono una risorsa per tutto il territorio e penso lo abbiano dimostrato ampiamente. Il nostro impegno sarà quello di diffondere le buone pratiche cittadine promuovendo quotidianamente un lavoro socio-culturale sul tema dei diritti e della tutela dei più vulnerabili. A breve lanceremo  degli avvisi pubblici per finanziare nuovi progetti di volontariato e altre sinergie tra attività commerciali e mondo della solidarietà, a partire dalla eliminazione delle barriere architettoniche. Per noi rendere accessibili a tutti servizi pubblici e privati dovrebbe essere un’azione ordinaria. Lavoriamo insieme proprio per rendere l’eccezionalità di tali interventi una cosa ordinaria, perché il benessere e il welfare sono risorse e patrimonio di tutti e tutte”. “Credo che d’ora in poi le attività commerciali abbiano poche scuse - ha poi aggiunto l'assessore cittadino al Commercio, Carla Palone - perché l’adesione al progetto non comporta alcun costo e rende la nostra città più accessibile a tutti. Per questo voglio ringraziare tutti per aver messo in piedi una produzione intelligente che mira anche a compiere opere di sensibilizzazione sull’argomento, anche se devo ammettere che molti negozi si stanno adeguando autonomamente. Ciò significa che l’approccio culturale è già cambiato. Ovviamente sarà mio impegno personale diffondere il più possibile l’iniziativa ai commercianti attraverso le associazioni di categoria”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Puglia resta 'zona arancione', la decisione del ministro Speranza: misure confermate

  • Dagli spostamenti tra regioni ai cenoni (vietati), il nuovo Dpcm e le misure al vaglio per Natale

  • Asfalto viscido per la pioggia, auto si ribalta e finisce fuori strada: muore 19enne

  • Muore a 53 anni l'avvocata Antonella Buompastore, ex proprietaria del Kursaal Santa Lucia

  • Bari, smantellato traffico internazionale di droga: 15 arresti, sequestri di beni per 3,5 milioni

  • Folle inseguimento a 120 km/h per le strade di Carbonara: arrestato pregiudicato 33enne

Torna su
BariToday è in caricamento