menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Camilla e Megan tornano al Policlinico per i bimbi di Oncoematologia: ripartono le attività la Pet Therapy

Il progetto è promosso dalle associazioni Apleti (Associazione Pugliese per la Lotta contro le Emopatie e i Tumori nell'Infanzia) e Vir Labor. Le attività si svolteranno ogni mercoledì

Dopo il lungo stop legato all'emergenza covid-19, riparte il servizio di pet therapy per i pazienti dai 2 ai 18 anni del reparto di Oncoematologia pediatrica del Policlinico di Bari. Camilla e Megan, i due cani del progetto Pet Care, sono dunque rientrati in corsia per un'iniziativa apprezzata dai bambini e dalle famiglie dei piccoli degenti.

Il progetto è promosso dalle associazioni Apleti (Associazione Pugliese per la Lotta contro le Emopatie e i Tumori nell'Infanzia) e Vir Labor. Le attività si svolteranno ogni mercoledì e vedranno la partecipazione di due educatori già sottoposti a tampone per escludere la presenza di covid. 

In media sono 40 le sedute al mese per i ragazzi ricoverati o in dau hospital:  “Il progetto Pet Care nasce con l'obiettivo primario di offrire ai bambini in terapie oncologica dei momenti di attività ludica e di svago. Nello specifico mira a contribuire al benessere psicofisico dei piccoli pazienti in terapia e migliorare la loro qualità di vita, fornire un possibile canale di espressione emotiva dei vissuti, proporsi come una terapia integrata nel percorso medico e  psicologico” spiegano Chiara Rutigliano, psicologa dell’Apleti, e Teodoro Semeraro, addestratore e comportamentista cinofilo di Vir Labor.

Grazie all’interazione con gli animali si registra un miglioramento delle condizioni emotive, motivazionali e relazionali e del processo riabilitativo dei piccoli malati. “Questi progetti, tra cui la pet therapy, contribuiscono in maniera rilevante a migliorare la qualità della vita dei bambini in particolar modo durante la degenza ospedaliera e a favorire l’accettazione delle cure e la probabilità di guarigione” sottolinea Francesco De Leonardis, dirigente medico dell’Unità operativa di Oncoematologia pediatrica del Policlinico di Bar

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento