Venerdì, 30 Luglio 2021
Attualità

A Bari apre il primo caffè letterario dedicato ai senzatetto: ristoro, biblioteca e centro d'ascolto in piazza Balenzano

Saranno i volontari dell'associazione In.co.tra. a garantire il servizio tutti i giorni dalle 12 alle 16.30, caffè e bevande sono offerti gratuitamente ai più bisognosi. L'inaugurazione è in programma lunedì 5 luglio

A Bari apre il primo caffè letterario dedicato alle persone senza fissa dimora. Un luogo di incontro dove nelle ore pomeridiane chi vive ai margini della società potrà tornarvi protagonista, grazie al bar corredato da una biblioteca e accompagnato da un centro di ascolto. Si trova in piazza Balenzano, prima della pandemia Covid punto per la distribuzione dei pasti da parte delle associazioni, a cominciare da In.con.tra. E saranno proprio i volontari di quest’ultima (circa 30) a gestire il caffè letterario che sarà inaugurato lunedì 5 luglio (alle 18). Garantiranno l’apertura del bar pronto a distribuire acqua, bevande, gelati, infusi e caffè (sono assenti gli alcolici), merende, tutti i giorni dalle 12 alle 16.30. Il servizio è offerto (gratuitamente) solo ai senza fissa dimora e ai bisognosi. Per questo lo hanno definito un social bar o bar solidale.

“Ci sarà un registro – spiega Michele Tataranni – sul quale i volontari segneranno i nomi di chi ha usufruito del ristoro, in modo che non ripeta più di una volta al giorno la richiesta. Per i nuovi, le persone non conosciute dalla rete dei nostri volontari e dalle attività dell’unità di strada, è a disposizione il centro di ascolto, passaggio necessario per capire le esigenze di ognuno”. Centro di ascolto che diventerà quindi un punto fisso per tutte le persone che ne avranno la necessità, così come la biblioteca realizzata grazie alla rete Barisocialbook e a librerie come Prinz Zaum, che fornisce libri gratuitamente anche attraverso “il carrello sospeso” all’interno del suo locale. Chi acquista un libro può donare una somma o comprarne ancora in favore della biblioteca del nuovo caffè letterario. Ci sono libri in diverse lingue. Sono accettate anche donazioni.

“L’esigenza di un bar ristoro – spiega ancora Tataranni -  è nata dalle stesse persone che serviamo quotidianamente. Ci hanno chiesto libri per leggere, carta e colori per disegnare, un punto di ritrovo è diventata così l’idea perfetta per rispondere alle loro esigenze e anche alle nostre, che avremo così a disposizione un punto dove fornire il camper dell’unità di strada che gira per la città fornendo ogni notte assistenza. L’intervento dei Club Rotary Bari Alto “Terra dei Peuceti “ e del Club Rotaract  ha permesso la donazione delle macchine da caffè e la fornitura di caffè.”. I due locali a disposizione sono stati già attrezzati in collaborazione con l’assessorato comunale al Welfare. Struttura fondamentale per il centro di ascolto formato da un'equipe multidisciplinare, fatta da volontari, medici e dal servizio fornito dall’Associazione Avvocato di strada. All’interno della sede vi sarà anche un defibrillatore a servizio della comunità. L’intento è di riqualificare la piazza e renderla di nuovo fulcro della città.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A Bari apre il primo caffè letterario dedicato ai senzatetto: ristoro, biblioteca e centro d'ascolto in piazza Balenzano

BariToday è in caricamento