Il magistrato barese Pietro Curzio eletto presidente della Corte di Cassazione: la decisione del Csm

Nato a Bari 67 anni fa, Curzio è magistrato dal 1978. Tra il luglio 1993 e l'aprile 2000 è stato pm, sempre a Bari, dove dal 1996 è stato assegnato alla Direzione distrettuale antimafia. Successivamente  ha svolto funzioni di secondo grado

Il magistrato barese Pietro Curzio è stato eletto nuovo presidente della Corte di Cassazione. La nomina è stata decisa dal Consiglio superiore della Magistratura. Al voto ha partecupato anche il vicepresidente del Csm, David Ermini. Non ha espresso preferenza, come da prassi, il presidente della Repubblica Sergio Mattarella che, intervenendo in plenum, ha ricordato l'assenza per motivi personali di due consiglieri laici del Movimento 5 Stelle, Fulvio Gigliotti e Alberto Maria Benedetti, i quali hanno inviato un messaggio di condivisione della proposta unanime della commissione a favore di Curzio.

Nato a Bari 67 anni fa, Curzio è magistrato dal 1978 ed è sposato con il procuratore generale presso la Corte d'Appello di Bari, Anna Maria Tosto. A lungo militante in Magistratura democratica, ha iniziato la carriera come pretore a Ruvo di Puglia dove, tra il settembre 1979 e il giugno 1984, si è occupato sia del settore civile sia di quello penale. Ha inoltre diretto l'ufficio ed è stato applicato per più periodi all'ufficio istruzione del Tribunale di Trani. Trasferito alla Pretura di Bari, ha svolto funzioni di giudice del lavoro. Quindi tra il luglio 1993 e l'aprile 2000 è stato pm, sempre a Bari, dove dal 1996 è stato assegnato alla Direzione distrettuale antimafia.

Successivamente  ha svolto funzioni di secondo grado, quale consigliere della sezione lavoro della Corte d'Appello di Bari. Nell'ottobre 2007 è stato trasferito alla Corte di Cassazione, dove inizialmente, fino a al dicembre 2008, è stato assegnato alla Seconda sezione penale, per poi passare alla Sezione lavoro. Congiuntamente all'assegnazione alla sezione lavoro, ha lavorato prima come componente della 'Struttura centralizzata' per lo spoglio dei processi civili e, quindi, ininterrottamente dal luglio 2010 al dicembre 2013 come componente della Sesta sezione civile. Dal gennaio 2014 è stato coordinatore della sottosezione lavoro della Sesta sezione civile e da marzo 2014 è stato nominato componente delle Sezioni unite civili. Dal giugno 2016 è presidente di sezione, e a seguire è stato nominato componente delle Sezioni Unite. Nel gennaio 2018 è stato nominato presidente titolare della Sesta sezione civile. Quale componente di diritto delle Sezioni unite è stato più volte delegato dal primo residente alla presidenza del collegio in qualità di facente funzioni. Nel marzo di quest'anno era stato nominato presidente titolare della sezione lavoro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Puglia resta 'zona arancione', la decisione del ministro Speranza: misure confermate

  • Dagli spostamenti tra regioni ai cenoni (vietati), il nuovo Dpcm e le misure al vaglio per Natale

  • Muore a 53 anni l'avvocata Antonella Buompastore, ex proprietaria del Kursaal Santa Lucia

  • Asfalto viscido per la pioggia, auto si ribalta e finisce fuori strada: muore 19enne

  • Bari, smantellato traffico internazionale di droga: 15 arresti, sequestri di beni per 3,5 milioni

  • Folle inseguimento a 120 km/h per le strade di Carbonara: arrestato pregiudicato 33enne

Torna su
BariToday è in caricamento