rotate-mobile
Domenica, 23 Giugno 2024
Attualità Japigia / Viale Japigia

Pista ciclabile su viale Japigia, continua la protesta dei commercianti: "Serrande abbassate e insegne spente"

I negozianti dell'arteria stradale del quartiere barese: "I nostri clienti ormai preferiscono fare i propri acquisti in altre zone per non sottoporsi alle difficoltà di circolazione e ai blocchi stradali derivanti dal restringimento della carreggiata"

"Nella giornata di mercoledì 27 settembre, a partire dalle 9, i commercianti di viale Japigia terranno chiuse le serrande dei propri negozi in segno di protesta". Lo comunica il Comitato Spontaneo dei Commercianti posizionati nell'arteria del quartiere barese, che rilancia così la protesta contro il restringimento della carreggiata (dovuto alla realizzazione di una pista ciclabile lungo la strada). Secondo i negozianti, il provvedimento adottato dal Comune per sviluppare la mobilità sostenibile avrebbe penalizzato le loro attività, rendendo più problematica la sosta delle auto sul viale.

"A seguito della realizzazione in viale Japigia di una pista ciclabile a doppio senso - scrive il comitato in una nota - i commercianti rischiano di chiudere le proprie attività, in quanto i clienti ormai preferiscono fare i propri acquisti in altre zone per non sottoporsi a rischi di difficoltà di circolazione e blocchi stradali derivanti dal restringimento della carreggiata".

"A partire da domani, inoltre, in tutte le serate i commercianti terranno spente le proprie insegne luminose", scrivono i negozianti di viale Japigia.

"Speriamo che questa civile protesta possa portare l'amministrazione comunale a rivedere quanto realizzato, apportando le necessarie modifiche - si legge nel comunicato dei commercianti - al fine di non distruggere intere famiglie che vivono esclusivamente dalle attività commerciali e che oggi hanno subito un crollo dei propri incassi quotidiani".    

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pista ciclabile su viale Japigia, continua la protesta dei commercianti: "Serrande abbassate e insegne spente"

BariToday è in caricamento