Attualità

Posti Covid nelle Terapie intensive, il 42% è occupato: il dato pugliese scende sotto la media nazionale

In una settimana, come attesta l'Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali, si è passati dal 45% al 42% a livello regionale, un punto sotto il dato medio nazionale

In Puglia il 42% dei posti letto di terapia intensiva Covid-19 è occupato. Un dato che continua a superare di oltre il 10% la soglia fissata dal Ministero della Salute, ovvero il 30 per cento. È quanto emerge dall'ultima rilevazione fatta da Agenas, l'Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali, aggiornata al 22 novembre. Numeri comunque alti, che si attestano sotto al media italiana, che al momento raggiunge il 43%.

Giorno nero per la Puglia: positivo il 25% dei tamponi effettuati

Rispetto a una settimana fa, comunque, c'è stata una riduzione della percentuale di occupazione, passata dal 45 al 42% odierno. Per quanto riguarda, invece, il totale dei posti letto Covid, quindi includendo anche quelli di pneumologia, medicina e malattie infettive, il 45% risulta essere occupato, contro una media italiana del 51%.

I covid hotel

 La Regione Puglia sta così studiando un ulteriore potenziamento della rete ospedaliera Covid: il dipartimento Salute ha chiesto alle Asl una relazione sui posti letto ancora convertibili per aumentare, a dicembre, se si renderà necessario, i circa 3mila posti Covid attuali. Parallelamente, vengono aperti anche i primi 'Covid Hotel' che ad oggi sono sette: tre in provincia di Bari, due nel Foggiano, uno nel Brindisino e uno nel Leccese. Si tratta di strutture alberghiere che hanno accettato di destinare le loro camere per ospitare pazienti Covid dimessi dagli ospedali perché ormai asintomatici ma ancora positivi.
Complessivamente i posti letto sono 217: 77 nel Barese, 80 nel Foggiano, 35 in provincia di Brindisi e 25 nel Salento. Può usufruire gratuitamente dei "Covid hotel" chi abita in appartamenti che non permettono l'isolamento dagli altri conviventi. (

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Posti Covid nelle Terapie intensive, il 42% è occupato: il dato pugliese scende sotto la media nazionale

BariToday è in caricamento