Domenica, 16 Maggio 2021
Attualità

Il Comune premia cardiochirurgo barese di fama internazionale Ruggieri: "Ha dato lustro alla città"

Il professore è primario della divisione di Chirurgia cardiovascolare toracica dell’ospedale universitario di Reims, in Francia

Il Comune di Bari ha donato una targa di riconoscimento al cardiochirurgo barese Vito Giovanni Ruggieri, primario della divisione di Chirurgia cardiovascolare toracica dell’ospedale universitario di Reims, in Francia, che con la propria attività, svolta con professionalità e dedizione nei confronti dei pazienti, dà lustro alla città di Bari.

Alla cerimonia, in aula Dalfino, hanno preso parte, oltre all'assessore alle Culture, Silvio Maselli, il consigliere comunale Giuseppe Cascella, Angelo Vacca, ordinario di Medicina interna dell’Università degli Studi di Bari, Luigi Santacroce, professore associato presso il Policlinico di Bari, Vincenzo Genchi, medico radiologo, e Giuseppe Rubini, direttore responsabile dell’unità operativa complessa di Medicina nucleare del Policlinico di Bari. Ruggieri ha studiato a Bari e si è laureato in Medicina e Chirurgia presso l’università degli Studi di Bari. Si specializza in Cardiochirurgia a Pavia con post laurea in Francia. Inizia la carriera ospedaliero/universitaria a Rennes, nel centro d’eccellenza francese in chirurgia cardiaca. Lì, a 31 anni, esegue i primi interventi di by-pass coronarico e sostituzione valvolare come primo operatore. Effettua regolarmente espianti su donatori e partecipa come aiuto ai trapianti di cuore. A 34 anni esegue il suo primo trapianto di cuore e il primo impianto di cuore artificiale. Si perfeziona nella riparazione della valvolare mitralica con tecnica mini-invasiva e nelle tecniche transcatetere di impianto di protesi valvolari aortiche per via vascolare. Si trasferisce in Italia per un periodo di 18 mesi, durante il quale si perfeziona in chirurgia mini-invasiva con il Dr. Agnino. Rientra in Francia con un bagaglio tecnico-chirurgico ancora più ricco e la consapevolezza di voler proseguire nell’attività universitaria di insegnamento e di ricerca. Il professor Alain Leguerrier, al tempo primario del reparto di chirurgia di Rennes e figura di spicco della cardiochirurgia francese, nonché modello di management d’equipe chirurgica, segna indiscutibilmente la sua svolta di carriera. Partecipa e vince il concorso da docente universitario a Parigi a 39 anni. Un anno dopo diventa primario e professore ordinario del reparto di Chirurgia cardiovascolare e toracica dell’ospedale universitario di Reims (regione dello Champagne). È direttore regionale della scuola di specializzazione in Chirurgia Cardiovascolare e Toracica.

“Questo premio - ha esordito l’assessore Maselli - dimostra l’affetto e la vicinanza dell’amministrazione e dell’intera comunità cittadina al professor Ruggieri. Oggi siamo qui per festeggiare un concittadino che, con la sua grande professionalità, ha dato lustro a Bari in tutta Europa, e con il quale condividiamo gli stessi valori di appartenenza. In questa circostanza desidero, però, riflettere su alcune cifre: negli ultimi 18 anni i salari dei lavoratori italiani sono cresciuti solo di 400 euro circa, mentre i suoi omologhi tedeschi e francesi, nello stesso lasso di tempo e a parità di ore lavorate, hanno guadagnato molto di più. Inoltre, negli ultimi cinque anni contiamo oltre 244 mila emigrati italiani all’estero, oltre il 65% dei quali provengono dal Sud. Questo significa che il sistema formativo e lavorativo italiano non è abbastanza efficace da riuscire a trattenere i nostri cervelli a lavorare qui. Quella che stiamo vivendo è quindi un’emergenza nazionale alla quale va contrapposto un rimedio efficace: nel momento in cui si conferisce un premio ad un illustre cittadino barese che ha guadagnato fama oltre i nostri confini, si dovrebbe pensare anche a come fare per trattenerlo nel Mezzogiorno d’Italia”.

“Sono particolarmente emozionato - ha detto Ruggieri - una condizione che sicuramente non appartiene alla mia professione che amo profondamente e che svolgo con passione ma che invece impone distacco e freddezza. Oggi sono felice di essere emozionato perché questa circostanza mi rende fiero e orgoglioso di ricevere il riconoscimento dell’amministrazione e della città di Bari dalla quale, per ragioni di lavoro, ormai da tanti anni sono lontano. Ho avuto la fortuna di vivere un’evoluzione professionale non facile ma rapida, sono manager di una equipe chirurgica ma non mi considero arrivato: questo è uno stimolo a restare in una condizione reale e mantenere l’umiltà che spero mi contraddistinguerà sempre. Questa circostanza mi è gradita per ringraziare coloro che sono stati i miei maestri e che hanno contribuito alla mia crescita professionale, in particolare il dott. Agnino, fondamentale per la mia svolta internazionale”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Comune premia cardiochirurgo barese di fama internazionale Ruggieri: "Ha dato lustro alla città"

BariToday è in caricamento