Premio don Sante per l'arte contemporanea: l'8 settembre l'inaugurazione della mostra

Il Premio assoluto, di 1000 euro, sarà assegnato a un'opera in esposizione. Previsti altri due premio: quello per la giovane arte e quello per l'arte sociale. La mostra resterà aperta fino al 29 novembre prossimo.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BariToday

Su circa 300 partecipanti (da tutto il mondo) saranno solo 21 gli artisti che esporranno alla mostra conclusiva della seconda edizione del Premio don Sante per l'arte contemporanea, promosso dalla Fondazione Montanaro e che concorreranno per l'assegnazione del premio assoluto di mille euro. In corso i lavori di allestimento. La seconda edizione del Premio don Sante per l’arte contemporanea entra nella fase conclusiva. Comincia il countdown, infatti, per l’evento inaugurale della mostra della seconda edizione del Premio di arte contemporanea dedicato a Mons. Sante Montanaro, cui è ispirata l’omonima fondazione e già archivista del Vaticano, oltre che talent scout di artisti. Il vernissage si svolgerà l’8 settembre 2020 alle ore 19 presso Palazzo Monacelle a Casamassima. L’accesso sarà da via Roma: al piano terra, infatti, saranno posizionate 3 opere; la mostra poi, prosegue all’ultimo piano, sede della fondazione e dell’esposizione permanente delle opere collezionate dallo stesso don Sante. il tema di quest’anno, ‘Da luce a colore. Alla ricerca di un raggio di bellezza’, ha coinvolto in totale 300 artisti provenienti da 18 Paesi di tutto il mondo nei linguaggi di pittura, scultura, installazioni, fotografia, video arte, performance, arte virtuale e multimediale. L’evento inaugurale si concluderà con un concerto a cura dell’associazione musicale Amadeus. L’intervento artistico non si esaurisce, tuttavia, con l’esposizione a Palazzo Monacelle, ma invade anche il territorio. Saranno 6, infatti, le location extra scelte per un’esposizione collaterale di opere che non partecipano però, all’assegnazione del Premio assoluto, ma offre visibilità ai semifinalisti. Quattro location sono individuate sul territorio di Casamassima, due su quello nel cuore della città metropolitana di Bari. Segno di un’evoluzione che proietta il Premio don Sante Montanaro per l’arte contemporanea a diventare uno dei premi di riferimento in Puglia. IL PREMIO GIOVANI E IL PREMIO SOCIALE Questa seconda edizione sorprende anche per la partecipazione di enti e privati. Oltre al premio assoluto di 1000 euro riconosciuto dalla Fondazione Montanaro, si aggiungono due riconoscimenti. Il primo è il ‘Green talent’, premio per la giovane arte under 25 promosso e sostenuto da ‘Madrigio a casa propria’: si tratta di una targa e di un buono acquisto presso la libreria Feltrinelli del valore di 100 euro, individuato dalla Commissione tra le opere pervenute. Il secondo è il Premio per l’arte sociale, promosso e sostenuto dai Lions Bari San Nicola, che sarà assegnato a un’opera individuata dalla Commissione tra quelle pervenute e che richiama i temi sociali contemporanei. Confermato anche per questa edizione il main sponsor Banca Popolare di Puglia e Basilicata. IL COMITATO SCIENTIFICO La giuria di questa seconda edizione è stata composta da Nica Ferri, presidente della Fondazione Montanaro; Nicola Zito, curatore della II edizione del Premio; Lucrezia Naglieri, storica e critico d’arte; Riccardo Pavone, architetto; Giuliana Schiavone, storica dell’arte, critico e curatore; e Luisa Valenzano, artista. Per info su orari e apertura consultare il sito www.fondazionemontanaro.it

Torna su
BariToday è in caricamento