Laboratori di scienze e tecnologia, musica e teatro: il Comune premia i progetti delle scuole baresi, finanziate 43 proposte

Assegnati contributi dai mille a cinquemila euro per lo svolgimento di attività socio-culturali per gli istituti di ogni ordine e grado: serviranno a sostenere iniziative già avviate o nuove idee

Laboratori dedicati alle scienze, all'informatica, alle nuove tecnologie, ma anche progetti di musica, teatro e storia, attività che puntano alla lotta alla dispersione scolastica e all'inclusione sociale. 43, in tutto, i progetti presentati da altrettanti istituti scolastici baresi di ogni ordine e grado, che hanno ottenuto il finanziamento previsto dal Comune di Bari - assessorato alle Politiche educative e giovanili per le scuole statali d’infanzia, primarie e secondarie di I e II grado e agli istituti comprensivi cittadini per il finanziamento di progetti di carattere socio-culturale ideati e promossi dalle scuole stesse. (L'elenco completo)

Fondi da mille a 5mila euro

Attraverso questa iniziativa, finanziata con 146mila euro, l’amministrazione comunale - spiegano da Palazzo di Città - intende premiare le attività progettuali capaci di produrre un’effettiva ricaduta culturale, educativa e formativa sugli alunni e le loro famiglie, mirando al raggiungimento di finalità di carattere pubblico. La commissione ha valutato tutte le proposte pervenute assegnando contributi che variano da un minimo di 1.000 a un massimo di 5.000 euro a seconda della ricaduta potenziale dei progetti sulla comunità scolastica e del tasso di innovazione degli stessi.

Romano: “Progetti mostrano vitalità delle nostre scuole”

“Anche quest’anno abbiamo voluto finanziare decine di percorsi progettuali ideati dalle scuole baresi di ogni ordine e grado per sostenere la crescita dei nostri studenti e la loro partecipazione attiva al percorso didattico e formativo - commenta Paola Romano -. Attraverso questo bando, infatti, siamo nelle condizioni di sostenere progetti ormai consolidati, come Skenè, Radio Panetti o il premio Lugarà, e nuove attività che consentono alle scuole di rafforzare le professionalità interne e di lavorare con realtà esterne attive sul territorio. Crediamo che il mondo della scuola vada supportato in ogni forma possibile e che questa iniziativa rappresenti l’occasione concreta per garantire il protagonismo di chi, vivendo la scuola tutti i giorni,conosce da vicino le esigenze e i desideri dei bambini e dei ragazzi che la frequentano. Anno dopo anno la varietà delle proposte finanziate ci restituisce una fotografia della vitalità dell’offerta educativa e formativa dei nostri istituti, a riprova del valore di questa scelta”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bari 'spartita' tra 11 clan, la mappa della malavita in città e in provincia: "Panorama in continua evoluzione"

  • Nonnina fortunata a Bari: 90enne si aggiudica 200mila euro al Gratta e Vinci

  • Coronavirus, caso sospetto a Bari: accertamenti su paziente ricoverata al Policlinico, rientrava dalla Cina

  • Sete da cammello e notte insonne dopo aver mangiato la pizza: perchè succede?

  • Ludovica volata via a soli 18 anni, il Ministero le concede il diploma alla memoria: "Una borsa di studio in suo onore"

  • Tenta di attraversare con le sbarre in chiusura, auto resta bloccata al passaggio a livello

Torna su
BariToday è in caricamento