rotate-mobile
Attualità

Ospedali di comunità, il ministro Schillaci frena e la Cgil Puglia protesta: "È impreparato, sono progetti già finanziati dal Pnrr"

Il segretario regionale, Pino Gesmundo, ribatte alla recenti dichiarazioni in cui il titolare del dicastero della Sanità ha parlato di una futura valutazione di fattibilità per le nuove strutture sanitarie di riferimento territoriale che dovrebbero implementare la 'medicina di prossimità'

"Non sappiamo se dietro le affermazioni del neo ministro della Salute, Orazio Schillaci, che in un’intervista ha dichiarato che sulle Case di comunità non è stata presa ancora alcuna decisione, ci sia un disegno politico o impreparazione. Nell’uno e nell’altro caso vogliamo ribadire che difenderemo le risorse assegnate alla sanità pugliese nel Pnrr anche chiamando alla mobilitazione cittadini e lavoratori". Sono queste le parole del segretario generale della Cgil Puglia, Pino Gesmundo, in merito al programma del nuovo Governo per le strutture socio-sanitarie di riferimento territoriale previste per il potenziamento della 'medicina di prossimità'. 

"Nell’ambito della Missione 6 Salute del Pnrr - sottolinea il segretario regionale della Cgil - 177 milioni dovranno servire a realizzare 121 case della comunità, ovvero a costruire quella rete di sanità territoriale che risponde da vicino ai bisogni di salute dei cittadini, dopo il ridimensionamento della rete ospedaliera che ha sguarnito intere aree della regione, con centri spesso anche molto distanti dai grandi ospedali".
 
Gesmundo accomuna il suo sconcerto alle perplessità già manifestate dall'assessore regionale alla Sanità, Rocco Palese. "Fa bene la Regione Puglia a far sentire la sua voce, e crediamo che questa non possa essere una battaglia con un colore politico - dichiara il sindacalista - Dal Presidente della Regione a ogni consigliere regionale, passando per i sindaci, tutte le istituzioni devono essere orgogliosamente protagoniste della difesa di risorse che di diritto sono state assegnate al Sud e alla Puglia, e che vanno utilizzate per migliorare in ogni ambito la qualità della vita delle persone e i servizi pubblici".

Altri 78 milioni serviranno per realizzare invece 38 ospedali di comunità, il segretario Cigl precisa che sono "soldi indispensabili per integrare la rete della salute con nuovi presidi, che altrimenti graverebbe solo sugli ospedali con quel che significa ad esempio in termini di accesso e funzionamento del servizio di emergenza urgenza, con i medici che scappano dai pronto soccorso per gli insostenibili carichi di lavoro e turni massacranti. Altro che nulla è stato deciso sulle Case di comunità, c’è un Contratto istituzionale di sviluppo firmato dal Presidente della Regione con il Ministero per 650 milioni di finanziamenti complessivo e fino all’ultimo euro andrà speso nel migliore dei modi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ospedali di comunità, il ministro Schillaci frena e la Cgil Puglia protesta: "È impreparato, sono progetti già finanziati dal Pnrr"

BariToday è in caricamento