rotate-mobile
Attualità

Mancano medici in pronto soccorso e 118, Palese: "Proposta di legge per aumentare i fondi al personale"

L'assessore alla Sanità, nell'incontro di oggi con i medici, ha proposto di utilizzare il fondo sanitario per aumentare la spesa destinata al personale, ma "Mancano risorse umane". L'emergenza gestita con specializzandi e volontari, Anelli: "Occorre un patto fra tutti i settori del mondo medico"

Utilizzare gli incrementi del fondo sanitario, assegnati alle Regioni, per la spesa corrente destinata al personale. È questa la principale soluzione emersa oggi durante l'incontro, fra l'assessore regionale alla Sanità, Rocco Palese ed i membri del Consiglio dell'Ordine dei medici di Bari, per discutere sulla carenza di personale per il servizio di emergenza 118 ed i pronto soccorso. Hanno partecipato al tavolo di discussione anche il presidente Omceo, l'Ordine dei Medici Chirurghi ed Odontoiatri, Filippo Anelli, ed il vicepresidente Omoceo Bari, Franco Lavalle.

Durante l'incontro, l'assessore Palese ha paventato, come soluzione al problema, una proposta di legge che consenta di dirottare parte del budget del fondo sanitario assegnato alla Regione Puglia, negli stipendi dei dottori impegnati in corsia e sulle ambulanze del 118. L'intervento sulle buste paga sarebbe il primo dal 2004: da 18 anni, infatti, la spesa prevista per il personale medico non è stata più aumentata.

La disponibilità ad attingere da nuovi fondi, però, risolve solo un lato della questione. L'assessore Palese ha sottolineato come si verifichi anche la difficoltà a reperire risorse umane. La mancanza di professionalità pronte per essere inserite subito negli ospedali, porta inevitabilmente alla definizione di un programma limitato al breve periodo per gestire l'emergenza. Nell'ambito di queste soluzioni transitorie rientrano gli accordi intergrativi, definiti nei tavoli tecnici con i sindacati, per l'utilizzo in turno degli specializzandi ed il coinvolgimento, su base volontaria, dei liberi professionisti di varie specialità. "In presenza dell’emergenza ed in una fase di transizione occorre fare un patto, che coinvolga su base volontaria tutti i settori e tutti i profili del mondo medico - ha sottolineato Filippo Anelli - per sostenere il settore del Pronto Soccorso”.

L'assessore Palese ha, infine, garantito che non sono previste esternalizzazioni del servizio di pronto soccorso, tramite appalto a società terze. La Regione si è resa disponibile, inoltre, ad assicurare i necessari fondi per le indennità di specificità medica destinate ai dipendenti dell'Università. L'unico ostacolo è rappresentato dalla burocrazia: Palese ha specificato che l'ente accademico dovrà trovare un'adeguata formula giuridica per permettere alla Regione di stanziare l'integrazione economica. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mancano medici in pronto soccorso e 118, Palese: "Proposta di legge per aumentare i fondi al personale"

BariToday è in caricamento