Puzza senza fine al San Paolo, cittadini e M5S chiedono le cifre delle emissioni. Il Comune: "Livelli sotto i limiti"

Nuove segnalazioni dal quartiere. La Città Metropolitana ha, nel frattempo, riaperto le procedure per l'autorizzazione ambientale nei confronti dell'azienda che sarebbe coinvolta nella vicenda

Da una parte le segnalazioni che non si fermano, dall'altra il percorso burocratico e istituzionale per monitorare il fenomeno. Nel mezzo, invece, la puzza nauseabonda che periodicamente, invade il quartiere San Paolo di Bari, infastidendo e preoccupando i residenti. L'ultima segnalazione, sulla bacheca Facebook del sindaco Antonio Decaro, è di stamattina, da parte di un cittadino stanco di "parole e niente fatti".

I Cinquestelle chiedono chiarezza e cifre

L'argomento è stato trattato ieri nel corso del Question Time in Consiglio comunale, con un'interrogazione presentata da Elisabetta Pani del M5S. A rispondere alla consigliera è stato l'assessore all'Ambiente Pietro Petruzzelli: "Il pallino della vicenda - ha spiegato a BariToday - ce l'ha la Città Metropolitana, soprattutto per le autorizzazioni riguardanti i processi ambientali. L'azienda, tra l'altro, ricade in territorio di Modugno". I Cinquestelle, nelle scorse settimane, avevano chiesto dati numerici sulle misurazioni condotte da Arpa delle emissioni odorigene, "come chiesto - affermano i pentastellati - dalla mozione urgente approvata all’unanimità durante il primo Consiglio Comunale".

Riaperta la procedura Aia per l'azienda

Al momento, però, i dati non rileverebbero livelli superiori alla norma: ad affermarlo è lo stesso sindaco Antonio Decaro ai cittadini del quartiere rispondendo sui social, senza citare numeri o dati, come richiesto dal M5S nelle ultime settimane. La Città Metropolitana, inoltre, ha riaperto, su proposta del sindaco Decaro, la procedura di AIA (autorizzazione integrata ambientale) della ditta che potrebbe produrre i miasmi: "Sono state richieste all'azienda - ha specificato Decaro - ulteriori misure di abbattimento delle sostanze odorigene (condensazione del vapore e discesa di cappe a quote diverse) e un sistema di rilievo in continuo che permetterà ad Arpa di misurare costantemente il livello delle emissioni". In attesa di soluzioni definitive a un problema irritante e apparentemente senza fine, i cittadini del quartiere, devono incrociare le dita prima di aprire le finestre.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piccioni su balconi e grondaie: i sistemi per allontanarli da casa

  • Uccide fidanzato della ex, accoltella la ragazza e il padre della vittima. arrestato 26enne a Bitetto

  • Pestato brutalmente per strada, morto dopo due giorni di agonia in ospedale. arrestato pregiudicato al San Paolo

  • Chiude dopo più di 20 anni il Disney Store di via Sparano a Bari: a rischio 13 lavoratori, proclamato sciopero

  • Operatrice positiva al Covid, chiude asilo nido a Bari

  • Positiva al covid rompe la quarantena ed esce a fare la spesa: denunciata una donna nel Barese

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BariToday è in caricamento