rotate-mobile
Martedì, 18 Giugno 2024
Attualità

Qualità della vita, l'indagine: "Per oltre il 50% dei baresi migliorata negli ultimi 5 anni"

E' quanto emerge dalla ricerca 'Quality of life in European cities', condotta dalla Commissione Europea con il contributo dell’Istat: la rilevazione mette a confronto 85 città italiane e di altri Paesi Europei

La qualità della vita? A Bari oltre la metà della popolazione (53,1%) ritiene che "negli ultimi cinque anni sia migliorata". E' uno dei dati che emergono dalla rilevazione 'Quality of life in European cities', condotta dalla Commissione Europea ogni due-tre anni e rivolta "ad accrescere la conoscenza sulla qualità della vita percepita in ambito urbano", mettendo a confronto una selezione di città europee. L'analisi, condotta in Italia con il contributo dell'Istat, compara i dati delle 26 città italiane (tra cui, appunto, Bari) considerate nell’indagine (edizione 2023) alle altre 59 città dell’Unione europea che fanno parte dell’universo di riferimento, cui si aggiungono altre città extra-europee per un totale di 85 città.

Il miglioramento della qualità della vita

Tra le principali evidenze dell'indagine, l'Istat evidenzia proprio il dato barese relativo al miglioramento della qualità della vita. Se in Italia - si legge nella sintesi dell'indagine - le percentuali di chi pensa ci sia stato un miglioramento sono ovunque piuttosto basse (inferiori al 30%), Bari è, con Messina, tra le eccezioni. Il dato barese, con oltre il 50% della popolazione che ritiene che la qualità della vita in città negli ultimi cinque anni sia migliorata, è uno dei "risultati migliori registrati a livello europeo", in un contesto in cui sono principalmente i cittadini delle città dell'Europa dell'Est a ritenere migliorata la qualità della vita.

I punti deboli: i dati su sicurezza e trasporti pubblici

Ma nel dossier che prende in esame molteplici aspetti (come lavoro, servizi pubblici, sicurezza, ambiente, Amministrazione locale, opinioni sulla capacità inclusiva della città o sulle  opportunità offerte dalla città, come trovare un buon lavoro e un alloggio) non mancano neppure le 'note dolenti'. Una di queste riguarda la percezione di sicurezza. "Nelle città italiane - rileva l'indagine - si osservano le percentuali più basse di persone che si sentono sicure a camminare da sole di notte nella propria città. Le quote più ridotte (inferiori al 30%) si rilevano a Catania, Milano, Taranto, Genova, Venezia, Parma e Bari". Anche per quanto riguarda i trasporti pubblici locali, Bari si attesta tra le città (con Sassari, Bari, Pescara, Perugia, Napoli, Roma, Reggio di Calabria, Catania, Palermo e Taranto), dove meno della metà degli abitanti si dichiarano soddisfatti dei servizi. Anche per quanto riguarda la percezione circa la possibilità di trovare un buon alloggio a prezzo ragionevole e un buon lavoro nella città, Bari si piazza tra le città con i valori più bassi (insieme a città come Genova, Roma, Venezia, Firenze ma anche Bruxelles).


Il dossier completo sul sito dell'Istat
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Qualità della vita, l'indagine: "Per oltre il 50% dei baresi migliorata negli ultimi 5 anni"

BariToday è in caricamento