Voglia di spaccare tutto? Nel Barese la prima 'rage room' del Sud Italia: "Mezz'ora di distruzione liberatoria"

L'idea di due under 30, che a Santeramo hanno aperto la 'Rage Cage', importando un modello di successo negli Usa. L'ideatore: "Le persone sono soddisfatte. E' qualcosa che in ufficio o a casa non potrebbero fare"

Essere lasciati da soli in una stanza piena di oggetti, con a disposizione martelli, bastoni e compagnia bella per farli a pezzi. E spazzare così via anche stress, cattivi pensieri e rabbia. Un sogno che anche le persone apparentemente più miti hanno accarezzato almeno una volta nella vita e che nella provincia di Bari da pochi mesi è diventato realtà. Parliamo di ‘Rage Cage’, la prima rage room (stanza della rabbia) del sud Italia, aperta a Santeramo da agosto da due under 30 del posto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Come nasce l’idea

A raccontare come nasce l’idea di una rage room nel Barese, è il principale fautore dell’attività, Giuseppe, 26enne di Santeramo. “Ne avevo sentito parlare, visto che in America è un fenomeno molto diffuso, e avevo pensato potesse essere un’idea imprenditoriale innovativa. All’inizio però avevo accantonato l’idea”. Questo fino a maggio, quando Giusppe - che nella vita fa tutt’altro: il docente di scuola superiore – coinvolge l’amico Sergio per trasformare Rage Cage da parola in realtà.

IMG_20180810_205049-2

“L’abbiamo realizzata totalmente da soli – prosegue – con un investimento iniziale di 5mila euro. La stanza vera e propria è ampia 22 metri quadri, ma la struttura comprende anche un locale attiguo dove controlliamo le registrazioni delle partite e naturalmente un bagno per i clienti”. Un progetto che prende vita in un mese e che ha visto un successo esponenziale, complice anche l’effetto curiosità: nell’ultimo mese circa 120 persone hanno voluto provare la rage room.

Come funziona

Il funzionamento è semplice. L’utente viene vestito con tuta, caschi e occhiali protettivi ed entra nella stanza, dove trova una serie di oggetti (bicchieri, piatti, sedie, pensili, ma anche arredi più grandi come stampanti e lavatrici) da distruggere con alcuni strumenti messi a disposizione dagli organizzatori, che vanno dal piede di porco alle mazze e ai martelli. Se si preferisce usare le mani nude e scagliare gli oggetti contro il muro, c’è anche un bersaglio dipinto a cui mirare.

IMG_20180809_175131-2

Tre i pacchetti a disposizione dei clienti, che influenzano anche il tempo a disposizione per liberare la propria rabbia (dai 10 ai 30 minuti) e il numero di oggetti disponibili: basic, stressed e killer. E sembra esserci una predilezione per quest’ultima: “Nel 90% dei casi – conferma Giuseppe – si sceglie il pacchetto completo. Quando chiediamo il perché, ci rispondono che, siccome si sono organizzati, vogliono vivere l’esperienza appieno”. Già perché quella di Santeramo è al momento l’unica rage room del Sud Italia  e bisogna viaggiare parecchio per trovarne un’altra. “Ecco perché in molti vengono da fuori della Puglia, vista anche la nostra ottima posizione, al centro tra le varie province pugliesi e quella materana. Il costo? Anche questo dipende dal pacchetto, ma si va dagli 11 euro a persona per il basic ai 25 per il killer, dove a disposizione ci sono 35 oggetti generici, due oggetti di medie dimensioni (vasi, sedie, pensili) e due oggetti di grandi dimensioni.

Il futuro

Al momento Giuseppe e Sergio non pensano troppo al futuro, godendosi il successo della loro creatura relativamente giovane, che come si può immaginare, catalizza l’attenzione soprattutto nel week-end. “Da noi arriva la studentessa 18enne, così come il 40enne impiegato o professionista, spesso in gruppo con colleghi o amici. Abbiamo ospitato persino una squadra di rugby. Tutti hanno qualcosa da scaricare e questo è un ottimo modo” ricorda Giuseppe. Mezz’ora per rilasciare la propria rabbia interna e mostrare i propri istinti primordiale e alla fine cosa dice chi l’ha provata? “Si sentono tutti soddisfatti e confermano che funziona come antistress. Chi ci sceglie lo fa per soddisfare un desiderio che a casa o in ufficio non potrebbe realizzare”.

ssaa-2

Se però si chiede ai due ragazzi come evolverà la Rage Room, un’idea ce l’hanno: “Se continuerà ad avere questo consenso, contiamo di allargarci – concludono – magari realizzando altre stanze della rabbia contigue a questa o magari una esterna, con uno scenario urbano underground”. Un metodo perfetto per sfogarsi anche nel periodo estivo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Puglia resta 'zona arancione', la decisione del ministro Speranza: misure confermate

  • Dagli spostamenti tra regioni ai cenoni (vietati), il nuovo Dpcm e le misure al vaglio per Natale

  • Muore a 53 anni l'avvocata Antonella Buompastore, ex proprietaria del Kursaal Santa Lucia

  • Asfalto viscido per la pioggia, auto si ribalta e finisce fuori strada: muore 19enne

  • Bari, smantellato traffico internazionale di droga: 15 arresti, sequestri di beni per 3,5 milioni

  • Folle inseguimento a 120 km/h per le strade di Carbonara: arrestato pregiudicato 33enne

Torna su
BariToday è in caricamento