Una nuova 'casa' per i Rangers pugliesi: a Catino la sede regionale dell'associazione

Sabato l'inaugurazione del nuovo presidio dell'associazione ambientalista. L'evento è stato anche l'occasione per presentare il lavoro svolto dai volontari, con oltre 200 siti segnalati per degrado e inquinamento

Sempre in prima linea per la difesa dell'ambiente, a cominciare dalle periferie. E proprio in periferia, a Catino, i Rangers d'Italia Puglia hanno inaugurato sabato scorso la propria sede regionale, ubicata nei pressi della parrocchia di San Nicola. Un ulteriore presidio sul territorio, che va ad aggiungersi a quello di Ceglie del Campo, sede del Nucleo barese.

All'inaugurazione hanno preso parte il consigliere Francesco Giannuzzi, delegato del sindaco di Bari, l'avvocato Antonio Maria La Scala, personaggio di spicco del mondo del volontariato e della lotta per la legalità, il commissario Francesco Carella, in rappresentanza del comando di Polizia Locale di Bari. A benedire la nuova sede don Luciano Cassano, parroco della chiesa di San Nicola.

L'evento è stato anche l'occasione per presentare l'enorme lavoro svolto dal Gruppo Tecnico della sezione Puglia, con la mappatura di oltre 200 siti caratterizzati da situazioni di degrado ambientale: una mappa interattiva che permette di localizzare posizione, foto e descrizione del sito, consegnata alla Prefettura di Bari.

Sono stati inoltre consegnati attestati di merito, a personalità del mondo mediatico, civile ed istituzionale, per l'attività svolta a tutela dell'ambiente, due Elogi a personale dei Rangers che si è contraddistinto in operazioni in coordinamento con le Forze dell'ordine, e attestati di Benemerenza ai Rangers che hanno maturato dieci, quindici e vent'anni di appartenenza all'associazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rapina finisce nel sangue a Bari: vittima si rifiuta di consegnare il denaro, accoltellato alla gola e alle gambe

  • Carabiniere in auto con la cocaina, sorpreso dai colleghi durante un controllo: arrestato

  • Maxi operazione dei carabinieri tra Bari e Altamura: 50 arresti tra capi clan e affiliati, scacco matto ai D'Abramo-Sforza

  • Sangue e lacrime sulle strade del Barese: vittime perlopiù giovanissime, per gli incidenti stradali si muore di più

  • Ramo si spezza per il forte vento e lo investe in pieno: un morto nel Barese

  • Operazione antimafia nel Barese: 54 arresti e due anni di indagini, così è stato disarticolato il clan D'Abramo-Sforza

Torna su
BariToday è in caricamento