menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Da Pane e Pomodoro a Torre Quetta, una tonnellata di rifiuti strappati al mare: i volontari di Retake ripuliscono la costa

Ieri, sabato 30 gennaio, il secondo appuntamento promosso dall'associazione in collaborazione con Amiu: "L’emergenza ambientale è drammatica e non possiamo rimanere inermi"

Dal polistirolo agli oggetti in plastica ai 'resti' di spiaggine rotte e abbandonate, fino alle carcasse di vecchi elettrodomestici: oltre una tonnellata di rifiuti strappati al mare, in un solo km di costa, tra Pane e Pomodoro e Torre Quetta. Protagonisti dell'operazione di pulizia del litorale, ancora una volta, i volontari di Retake.

Ieri, sabato 30 gennaio, si è tenuto il secondo dei flash mob organizzati dall'associazione in collaborazione con Amiu.  Nel corso del primo appuntamento, domenica 24 gennaio, erano stati raccolti 330 kg di rifiuti, diventati circa una tonnellata con il flash mob di ieri, che ha visto i volontari divisi in due gruppi: uno impegnato nella zona in corrispondenza della foce della lama, l'altro più a nord. Muniti di guanti, pinze (e naturalmente di mascherine), nel rispetto delle norme anticovid, i retakers hanno lavorato per l'intera mattinata, recuperando i rifiuti, poi rimossi con l'intervento di Amiu.

michele petrelli pulizia Retake-2

"La nostra intenzione - è spiegato sulla pagina Fb di Retake - è liberare dai rifiuti questo tratto di mare e monitorarlo. Va tenuto sotto stretto controllo e poi dopo ogni mareggiata vanno nuovamente rimossi i rifiuti. Con i dati alla mano vogliamo dimostrare i danni dell’industria della pesca! Qualcuno è responsabile per la dispersione di polistirolo e reti di cozze! Poi dobbiamo prendere coscienza dell’impatto di imballi e monouso. Stop consumo, stop acqua in bottiglia , stop imballi ! Non tutto ció che si ricicla viene riciclato, non tutta la plastica è riciclabile, ci stiamo riempiendo di rifiuti e non c’è più molto tempo!". "L’emergenza ambientale è drammatica - ribadiscono i volontari pubblicando le immagini dell'ultimo flash mob - e non possiamo rimanere inermi".
 

(Foto Michele Petrelli)

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vaccini Covid, Lopalco: "Con limiti ad Astrazeneca dosi non utilizzabili per soggetti fragili, ecco perché somministrazioni ad altre categorie"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento