menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Con gli audiolibri ciechi e dislessici si avvicinano alla lettura, ma mancano i volontari: "Donateci la voce"

L'annuncio è apparso sulla pagina Facebook dell'Uici Puglia: con una determina del 2013 è stato istituito il Centro regionale dell'Audiolibro, a disposizione anche di chi ha problemi di lettura

'Donare' la propria voce per permettere alle persone con difficoltà visive di tornare a godere di una bella storia. Proprio per riavvicinare non vedenti o ipovedenti e cittadini con difficoltà di lettura - ad esempio dislessici, distrofici, anziani,studenti con bisogni educativi speciali - era stato realizzato con un direttiva regionale del 2013 il Centro regionale dell'Audiolibro. Una struttura, situata in via Pellegrini, per "promuovere le tradizioni e la cultura accessibile, con funzioni didattiche e di scambio intergenerazionale" spiegano dall'Unione italiana dei ciechi e degli ipovedenti Puglia Ets-Aps, a cui è stato affidato il servizio.

"Donateci la vostra voce"

Ed è proprio l'associazione a chiamare a raccolta i volontari per registrare le voci degli audiolibri, attraverso un annuncio pubblicato sulla loro pagina. Quali sono le caratteristiche dei 'donatori di voce'? Intanto, chiaramente, l'avere un voce credibile, ma anche la capacità di leggere in modo espressivo, "ma non recitativo - spiega l'annuncio - avere costanza e buona volontà per rispettare i tempi di consegna e, infine, considerare la punteggiatura e leggere in modo chiaro".

I volontari potranno leggere testi a seconda delle proprie competenze e dei propri interessi, così da rendere anche la lettura più avvincente. Per candidarsi si può inviare una mail all'indirizzo uicpugl@uiciechi.it, chiamare in sede al 080 5424341 oppure collegarsi al sito del progetto e cliccare sul banner 'Diventa donatore di voce'.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento