Un drone per monitorare la presenza di rifiuti in mare: Comune, Legambiente e Coop uniti nel progetto 'Liberi dalla plastica'

L'iniziativa presentata a Palazzo di Città: si tratta di uno dei cinque progetti ambientali in difesa dell'acqua sostenuti in Puglia da Coop Alleanza 3.0. Previsto il coinvolgimento di scuole e associazioni cittadine

Monitorare la presenza dei rifiuti in mare attraverso l’utilizzo di un drone e sensibilizzare i cittadini ad abbandonare le cattive abitudini e ridurre l’uso della plastica. E' il duplice obiettivo di "Liberi dalla plastica ... e non solo!", il progetto in difesa dell'ambiente presentato questa mattina a Palazzo di Città. Promossa dal circolo Legambiente Eudaimonia di Bari, l'iniziativa è sostenuta dalla Coop Alleanza 3.0 in collaborazione con l’assessorato all’Ambiente del Comune di Bari, Amiu Puglia e la partnership tecnica di Remote Syistem. 

Scuole, associazioni e cittadini in difesa della costa

Il primo step dell’iniziativa partirà in occasione della prossima mareggiata, che consentirà di monitorare i circa 46 chilometri di costa da Santo Spirito a Torre a mare dopo l’evento meteorologico. Successivamente, in collaborazione con gli istituti scolastici cittadini e numerose associazioni, sarà predisposto un programma di appuntamenti aperti alla cittadinanza per la raccolta dei rifiuti depositati lungo la costa barese. 

Cinque progetti sostenuti da Coop Alleanza 3.0 in Puglia

Quello barese è uno dei cinque progetti sostenuti da Coop Alleanza 3.0, e rientra nella campagna 'Io sì', pensata dalla cooperativa per contribuire alla realizzazione di iniziative di realtà locali impegnate per la tutela di mari e fiumi, la lotta all’inquinamento, l’educazione verso le scuole e le famiglie. Gli atri progetti sono 'I guardiani del mare (Taranto)', realizzato dall’associazione Jonian Dolphin Conservation e mirato alla tutela dei cetacei nel Golfo di Taranto; 'Ri-abi(li)tiamo la costa marittima' (Trani): in collaborazione con Legambiente, si occupa dell’area Boccadoro e dell’antica vasca di pietra di raccolta delle acque sorgive, per anni usata come discarica abusiva; 'Un robot per osservare il mare' (Lecce e Brindisi), realizzato dal dipartimento di Ingegneria e Innovazione dell’Università del Salento: mette a disposizione robot marini per raccolta dati, con l’obiettivo di sensibilizzare e informare la comunità locale sull’inquinamento marino; 'Le nostre strade dell’acqua' (Foggia), realizzato da Legambiente, ha l'obiettivo di diffondere una maggiore conoscenza dei piccoli corsi d’acqua locali, della rete di distribuzione idrica e della sua importanza per le attività produttive. 

Come sostenere i progetti

I progetti di “Io sì” si possono sostenere in tre modi. La donazione può essere fatta dai soci nei negozi, acquistando gli Acquamici: otto peluche a forma di animaletti marini. Per ogni pupazzo, Coop Alleanza 3.0 dona 10 centesimi ai progetti. Per ottenere un Acquamico fino al 2 dicembre si possono raccogliere 10 bollini (uno ogni 20 euro di spesa) e aggiungere 3,90 euro; i peluche si ritirano fino al 31 dicembre. Sempre nei negozi, soci e consumatori possono usare fino al 31 gennaio anche la Carta Iosì, disponibile al Punto soci (in consegna su tutta la rete entro il 16 novembre). È gratuita e ha un codice a barre che, se passato in cassa, aggiunge 1 euro all’importo della spesa, interamente devoluto al progetto locale associato al punto vendita. Se soci e clienti, invece, vogliono donare 1 euro a un progetto al di fuori del proprio territorio possono scaricare il codice a barre corrispondente all’iniziativa e presentarlo alla cassa stampato.
Sempre entro il 31 gennaio 2019, infine, i soci possono destinare i punti della raccolta sia in cassa, donando direttamente al progetto di riferimento di quel negozio, sia online su all.coop/iosi, scegliendo l’iniziativa che preferiscono, nel proprio territorio o al di fuori. La Cooperativa trasferirà al progetto selezionato 1 euro ogni 100 punti donati. I negozi di Coop Alleanza 3.0, infine, ospiteranno iniziative e appuntamenti per adulti e bambini, per sensibilizzare in modo diverso sul tema dell’inquinamento delle acque interne e marittime del nostro Paese. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Puglia 'promossa' da domenica? Dati Covid in miglioramento, si va verso la zona gialla

  • Verso il Dpcm del 3 dicembre, tra ipotesi di nuove restrizioni e deroghe per i ricongiungimenti familiari

  • Nuovo Dpcm: verso lo stop a spostamenti dai Comuni per Natale e Capodanno, dal 21 viaggi tra regioni solo per rientro nella propria residenza

  • L'indice Rt scende sotto l'1 in Puglia e Lopalco risponde ai medici: "Non siamo regione da zona rossa"

  • Scontro tra auto e bici sulla Statale 16 a Torre a Mare: muore ciclista 31enne

  • Tragico incidente sulla statale 16 a Bari: impatto tra auto e camion, muore donna

Torna su
BariToday è in caricamento