Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO | Bambino salvato in mare al Canalone, la proposta delle soccorritrici: "Defibrillatori sulle spiagge baresi"

 

"Ci piacerebbe che vengano installati dei defibrillatori sulle spiagge e magari venissero organizzati corsi sulle tecniche di primo soccorso anche per i più giovani. Così otterremo due risultati: rendere le aree più sicure e far lavorare chi è al momento è in cerca di occupazione". La proposta l'hanno fatta direttamente al sindaco di Bari, Ylenia Narsete e Antonella Tamma, rispettivamente aviere dell'Aeronautica militare e paramedico che il 21 agosto hanno salvato il piccolo Dylan al Canalone, praticandogli le manovre salvavita dopo il recupero in mare. In mattinata sono state ricevute da Antonio Decaro a Palazzo di Città per ricevere il ringraziamento del primo cittadino.

Il sindaco: "Defibrillatori e corsi di formazione in città"

E da lui hanno avuto una prima rassicurazione: "Stiamo sviluppando un protocollo - ha ricordato - per mettere a disposizione defibrillatori nei luoghi sorvegliati 24 ore su 24, come le hall degli alberghi". La proposta prevede spazio anche per la formazione, proprio come richiesto da Ylenia e Antonella: "Avvieremo anche un confronto con la Asl e con la Protezione civile - ha aggiunto - per organizzare dei momenti di formazione di questo genere, a cui le persone potranno partecipare gratuitamente in modo da avere tanti cittadini non solo coraggiosi, ma anche preparati, in grado di aiutare il prossimo".

Potrebbe Interessarti

Torna su
BariToday è in caricamento