rotate-mobile
Lunedì, 15 Agosto 2022
Attualità

I sindacati contro le liste d'attesa per la sanità pugliese: "Sospendere visite private negli ospedali"

Spi Cgil, Fnp Cisl, Uil Uilp di Puglia chiedono con determinazione "un intervento straordinario della Regione Puglia per assicurare quanto è già scritto nella stessa legge regionale n. 13 del 2019, come" stoppare "temporaneamente l’intramoenia"

E' necessario "un incontro urgente con il presidente Emiliano e l'assessore alla Sanità Palese" per far fronte al problema delle liste d'attesa per ottenere prestazioni sanitarie, in particolare per gli anziani: è quanto affermano le federazioni dei pensionati Spi Cgil, Fnp Cisl, Uil Uilp di Puglia riunite oggi a Bari nel corso di un assemblea all'hotel Excelsior

I sindacati chiedono con determinazione "un intervento straordinario della Regione Puglia per assicurare quanto è già scritto nella stessa legge regionale n. 13 del 2019, come sospendere temporaneamente l’intramoenia, per dare le prestazioni sanitarie anche a chi è esente da compartecipazione alla spesa, reperire ed assegnare le risorse necessarie al finanziamento dei Piani di recupero delle prestazioni sospese e dei tempi delle liste d’attesa, vigilare sull’attuazione delle misure previste dai Piani Operativi dei Direttori generali delle Asl".

“Se chiedo all'Asl una visita specialistica urgente - sostengono i sindacati - , se mi va bene aspetto sei mesi, viceversa se prenoto a pagamento dallo stesso medico e nello stesso ambulatorio/ospedale bastano pochi giorni o una settimana”

"Spi Fnp e Uilp  - si legge in una nota - si impegnano a sostenere nei territori le iniziative unitarie nei confronti dei Direttori Generali delle Asl e a promuovere una campagna di informazione e denuncia della situazione sanitaria pugliese, coinvolgendo anche i Sindaci, quali responsabili della salute delle nostre comunità".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I sindacati contro le liste d'attesa per la sanità pugliese: "Sospendere visite private negli ospedali"

BariToday è in caricamento