rotate-mobile
Attualità Gravina in Puglia

Animali maltrattati e costretti a vivere in 'prigioni di cemento': scoperto un canile abusivo a Gravina

La struttura è stata sequestrata dai Carabinieri, il proprietario denunciato. La scoperta avvenuta grazie alla segnalazione degli animalisti di Corato

Gli animali tenuti in condizioni igenico sanitarie precarie, al limite della sopravvivenza. I Carabinieri del Gruppo Forestale di Altamura hanno scoperto un canile abusivo nelle campagne di Gravina in Puglia. I cani, 32 esemplari privi di microchip per l'identificazione, erano segregati all'interno di quattro strutture in cemento, realizzate abusivamente in Contrada Barisci.

I militari hanno provveduto al sequestro dei fabbricati abusivi ed alla denuncia del proprietario degli animali: l'uomo, nato ad Altamura, ma residente appunto nelle campagne di Gravina, è stato sanzionato e deferito all'Autorità Giudiziaria. Le Forze dell'Ordine hanno sequestrato anche i cani maltrattati, consegnandoli nelle esperte mani dei veterinari delle Asl di Molfetta, Ruvo di Puglia ed Altamura, per le prime cure.

L'operazione ha visto anche la partecipazione dei volontari della sezione di Corato della Leal, la Lega Antivivisezionista. I volontari coratini sono stati gli artefici della liberazione dei animali maltrattati, grazie alla solerte e precisa segnalazione rivolta ai Carabinieri. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Animali maltrattati e costretti a vivere in 'prigioni di cemento': scoperto un canile abusivo a Gravina

BariToday è in caricamento