menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Didattica a distanza fino a primavera? I sindacati pronti a scendere in piazza: "Siamo contrari"

La nota firmata da 5 sigle: "Ribadiamo la nostra determinazione a riproporre lo stato di agitazione qualora regione intendesse proseguire su una strada che non consenta l'applicazione uniforme del Dpcm anche nella nostra regione"

I sindacati sono pronti a scendere in piazza dopo le dichiarazioni dell'assessore regionale alla Salute, Pier Luigi Lopalco, su un'ipotesi di estendere fino "all'inizio della primavera" della didattica digitale a distanza, qualche ora prima che il Tar sospendesse l'ordinanza del governatore Michele Emiliano firmata sabato scorso e che fissava la ddi fino al 5 marzo.

"Abbiamo appreso che - spiegano in una nota Flc Cgil, Cisl Scuola, Uil scuola, Snals Confsal e Gilds Unams -  l'assessore Lopalco ha proposto che per la Puglia sia garantita la prosecuzione della didattica digitale fino a alla primavera perchè i dati dicono che tra i bambini si sta diffondendo il contagio in modo proporzionalmente superiore alle altre fasce d'età". I sindacati esprimo "contrarietà a soluzioni e interventi ulteriori sulla didattica in chiave esclusivamente regionale e ribadiamo la nostra determinazione a riproporre lo stato di agitazione qualora regione intendesse proseguire su una strada che non consenta l'applicazione uniforme del Dpcm anche nella nostra regione".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Lolita Lobosco, Bari in tv è bellissima ma sui social piovono critiche:"Quell'accento una forzatura, noi non parliamo così"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento