Domenica, 20 Giugno 2021
Attualità

Scuola in Puglia e didattica a distanza a scelta, il Tar: l'ordinanza di Emiliano è legittima

E' la stessa Regione a rendere nota la decisione del Tribunale amministrativo regionale, che ha respinto la richiesta di sospensione cautelare proposta da un’associazione di genitori in relazione al provvedimento del 23 aprile. Il commento di Emiliano: "Si chiude un anno complicato"

"Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Puglia, Sezione Terza, ha respinto la richiesta di sospensione cautelare proposta da un’associazione di genitori, che voleva obbligare alla presenza fisica in classe anche gli studenti le cui famiglie avevano scelto la didattica a distanza". E' la stessa Regione Puglia, in comunicato, a rendere nota la decisione del Tar Puglia, relativa all'ultima ordinanza sulla scuola emanata dal presidente Michele Emiliano, lo scorso 23 aprile. Il provvedimento, rinnovando i precedenti, aveva confermato fino al termine dell'anno scolastico la facoltà, per le famiglie, di optare per la didattica digitale integrata al posto delle lezioni in presenza.

Le motivazioni del Tar

Il Tar, si legge nella nota diffusa dlla Regione, sancisce che l'ordinanza impugnata "si inserisce in un contesto di eccezionale e perdurante criticità sanitaria connessa al rischio di diffusione del contagio da Covid-19, come risulta dal decreto legge 22 aprile 2021, n. 52 che ha prorogato lo stato di emergenza sino al 31 luglio 2021", e che comunque essa è stata "adottata in ossequio al disposto di cui all’articolo 3 del medesimo decreto". Inoltre, prosegue la nota della Regione citando la sentenza del Tar, "la deroga al regime della didattica in presenza, contestata dai ricorrenti, è motivata sulla base dell’elevato rischio di diffusione della cd variante inglese del virus Sars-Cov-2 nella popolazione scolastica, così come emerge dalla nota del Dipartimento della Salute della Regione Puglia, in cui non si manca di rilevare “...da un lato l’elevatissima prevalenza della variante inglese nella nostra Regione, dall’altro la persistenza di un livello di incidenza alto, con segnali di ulteriore incremento nella popolazione in età scolare...”;. "Nella descritta situazione, che legittima l’autorità regionale ad agire in deroga alla normativa statale, la facoltà di optare per la didattica digitale integrata, concessa agli alunni le cui famiglie richiedano espressamente di adottarla, in luogo dell’attività in presenza, costituisce misura ragionevole di esercizio del potere di deroga da parte del Presidente della Regione Puglia". Ancora, per il Tar, "la stessa facoltà di scelta della didattica digitale integrata appare rispettosa dei principi di adeguatezza e proporzionalità evocati dal legislatore statale". "Il dispositivo della didattica digitale integrata, nella situazione data, appare misura atta a garantire il bilanciamento tra diritti di pari rilievo costituzionale, - quello alla tutela della salute e quello alla istruzione – in uno al consapevole esercizio della responsabilità genitoriale, il cui contemperamento comporta l’adozione di scelte “tragiche” da parte delle autorità di governo anche regionale, pur nella doverosa considerazione dei bisogni della utenza fragile della scuola, e delle esigenze organizzative delle famiglie di provenienza di tutti gli scolari. Ritenuto che: -la continua sorveglianza sull’andamento dei contagi in ambiente scolastico possa dare luogo ad una rivalutazione delle misure adottate in deroga in presenza di dati epidemiologici più confortanti".

Il commento del presidente Michele Emiliano

"L’Ordinanza del Tar - commenta Emiliano - riconosce alla Regione Puglia di aver adottato un provvedimento giuridicamente corretto e necessario per salvaguardare la salute pubblica. In situazioni di pericolo grave e straordinario, come nel caso di varianti covid insidiose, è diritto delle famiglie degli studenti tutelare il proprio ambito familiare da eventuali pericoli di contagio, richiedendo la didattica a distanza. Il Tar in questo modo ha applicato la Costituzione della Repubblica e il principio di precauzione per contemperare il diritto allo studio con il diritto alla salute. Lo Stato, in una situazione di grave emergenza pandemica, assicura a chiunque la didattica in presenza ma deve concedere la didattica a distanza a chi ne faccia richiesta. In questo modo si chiude un anno scolastico sicuramente complicato, dolorosamente affrontato dalle famiglie e dalla scuola pugliesi con grande attenzione e determinazione. In particolare da parte degli insegnanti che hanno dovuto assicurare anche la didattica a distanza contemporaneamente a quella in presenza. Di questo sacrificio li ringrazio ancora. Se questo modello pugliese ha salvato dalla durissima prova della terapia intensiva o da altre più gravi conseguenze anche solo una mamma, un papà, un nonno o una nonna, in coscienza sono contento di averlo scelto. Sapere che esso è anche giuridicamente corretto mi dà sollievo e fiducia nella giustizia".

(foto archivio)
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scuola in Puglia e didattica a distanza a scelta, il Tar: l'ordinanza di Emiliano è legittima

BariToday è in caricamento