menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Educazione domiciliare per 30 minori diversamente abili: presentato il progetto 'Semi'

L'iniziativa, promossa dal Comune, sarà realizzata dalla cooperativa sociale 'Occupazione e solidarietà': previsto l'impiego di 15 educatori, a cominciare dal mese di ottobre

Un servizio a sostegnio dei minori diversamente abili per ricevere educazione domiciliare integrata per favorirne la permanenza nell’ambiente di vita familiare, scolastica e sociale, riducendo al minimo il ricorso a strutture residenziali: il Comune ha presentato il progetto triennale S.E.M.I., realizzato dalla cooperativa sociale Occupazione e Solidarietà. Quindici gli educatori professionali impegnati a costruire, con ciascuna delle famiglie beneficiarie dell'intervento, un percorso di crescita per ognuno dei ragazzi coinvolti. L’intero progetto sarà monitorato con il contribuito di Neuropsichiatria infantile di Bari e del CNR di Messina.

“Semi nasce dall'ascolto dei bisogni espressi delle famiglie che da anni seguiamo con il servizio di assistenza domiciliare su tutta la città e che abbiamo incontrato durante la realizzazione di progetti territoriali- ha sottolineato l’assessora al Welfare Francesca Bottalico presentando il progetto alla stampa -. Un servizio importante e strategico che, grazie a un importante lavoro di investimento, abbiamo più che triplicato in questi tre anni in favore dei cittadini con disabilità. Nello specifico quello che presentiamo oggi è un progetto unico nel suo genere, perché si rivolge esclusivamente a minori con disabilità fisiche e psichiche, con particolare attenzione a minori con spettro autistico, e per ciascuno di loro individua, in collaborazione con le famiglie e attraverso una valutazione socio-sanitaria integrata, un percorso educativo personalizzato, capace di rispondere ai bisogni e ai sogni di ognuno, offrendo l'opportunità di realizzare percorsi di inclusione e cura fuori dalle strutture nell'ambito del sistema sociale offerto a tutti i bambini della città".

Le famiglie interessate al progetto potranno presentare domanda di accesso attraverso il Segretariato sociale presente in tutti i Municipi. Le richieste, dopo una valutazione, saranno accolte fino ad esaurimento posti. Le attività di S.E.M.I cominceranno ad ottobre.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento