rotate-mobile
Attualità Monopoli

Un pianoforte nel foyer del teatro: al Radar di Monopoli lo strumento donato dall'attore Emilio Solfrizzi

Il gesto del popolare artista barese, che ha deciso di regalare al Teatro Kismet lo strumento custodito nel suo appartamento a Roma

Un pianoforte nel foyer del Teatro Radar di Monopoli. A donare lo strumento, posizionato oggi negli spazi del teatro monopolitano, è stato Emilio Solfrizzi. Il popolare attore barese, infatti, ha deciso di regalare il prezioso strumento musicale, un pianoforte a coda Steiner, custodito nel suo appartamento romano, al teatro Kismet.

Un luogo simbolico, quello del Radar (dove Solfrizzi ha portato lo spettacolo ‘L’anatra all’arancia’ insieme a Carlotta Natoli) che condivide i suoi spazi con il Conservatorio di musica ‘Nino Rota’. Studenti e professori del Conservatorio di Monopoli, ma anche cittadini e il pubblico di tutte le età del Radar, avranno così da oggi uno strumento per fare comunità attraverso la musica. La prima persona a suonare il pianoforte, infatti, è stata Alessia Benedetti, studentessa di pianoforte del Conservatorio di musica ‘Nino rota’ di Monopoli. L’iniziativa è stata presentata in un incontro aperto alla stampa, alla presenza del donatore Emilio Solfrizzi, del presidente del Teatro Kismet Augusto Masiello, e dei rappresentanti istituzionali del Comune di Monopoli, proprietario dell’antico teatro riaperto nel 2018 dopo essere stato chiuso per 33 anni.

“Mi è venuto in mente un bel momento vissuto al Kismet di Bari quando, al termine del mio spettacolo, mio nipote Davide non aveva resistito all’attrazione di un pianoforte a muro messo nel foyer del Teatro tra i tavolini e si era messo a suonare – spiega l’attore Emilio Solfrizzi - In breve era circondato di persone felici che sorridevano, incitavano, canticchiavano, tenevano il tempo. Godevano. Allora ho chiamato il mio amico Augusto Masiello. È stato lui a suggerire l’idea di mettere il pianoforte nel foyer del Teatro Radar a disposizione dei suoi utenti e dei ragazzi e insegnanti del Conservatorio ‘Nino Rota’. E la sua suggestione è piaciuta al punto di coinvolgere anche una ditta di traslochi importante trasformandosi in un gesto collettivo. Il più bel riconoscimento sarà la musica che risuonerà da quel pianoforte”.

“L’arte deve farsi condivisione, in ogni sua forma. La scelta del Teatro Radar come luogo votato a ospitare il pianoforte gentilmente donatoci da Emilio Solfrizzi si inserisce proprio in questo percorso – ricorda il presidente del Teatro Kismet, Augusto Masiello - È un elemento che ci avvicina ancora di più al Conservatorio di musica ‘Nino Rota’ e al lavoro di docenti e studenti che con la musica accompagnano la propria quotidianità. E che ora ancora di più lo diventerà del pubblico e dei visitatori del Radar”.

“Data la straordinarietà dell'operazione e la fragilità dello strumento – aggiunge Teresa Caradonna, responsabile divisione Art Movers della Caradonna Logistics - la movimentazione è stata affidata alla squadra di art handler con esperienza pluridecennale nella logistica di opere d'arte, beni storici e di valore. Le operazioni di movimentazione, in fase di consegna, sono state eseguite con il supporto di un robot elettrico che ha permesso di far arrivare il pianoforte a destinazione in piena sicurezza”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un pianoforte nel foyer del teatro: al Radar di Monopoli lo strumento donato dall'attore Emilio Solfrizzi

BariToday è in caricamento