menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Lo sportello antiviolenza

Lo sportello antiviolenza

Sportello antiviolenza nel Comune di Giovinazzo: l'inaugurazione in occasione della Giornata internazionale contro la violenza sulle donne.

Il punto di ascolto, realizzato al piano terra, sarà attivo il martedì e il venerdì. E' stato realizzato grazie alla collaborazione con il Centro antiviolenza 'Pandora' di Molfetta

Uno sportello antiviolenza nella sede del Comune di Giovinazzo: sarà inaugurato domani, alle 18, il punto di ascolto realizzato grazie alla convenzione con il Centro antiviolenza 'Pandora' di Molfetta, per estendere le attività del centro anche a Giovinazzo. Lo sportello, al piano terra del Comune, sarà aperto il martedì dalle 17:30 alle 19:30 e il venerdì dalle ore 11:00 alle ore 13:00. La data scelta non è casuale: il 25 novembre si celebra la Giornata internazionale contro la violenza sulle donne.

Un'operazione resa possibile grazie all’impegno e alla sinergia tra gli assessori alle Politiche Sociali di Giovinazzo e Molfetta, rispettivamente Michele Sollecito e Angela Panunzio, i dirigenti dei settori e le assistenti sociali in collaborazione con le rappresentanze politiche da sempre sensibili alla tematica. Il fenomeno della violenza contro le donne, attestato dai continui episodi di cronaca, ha conosciuto una crescita esponenziale in concomitanza con la messa in atto delle misure di contenimento della pandemia che hanno favorito le già gravi condizioni di abuso, violenza e isolamento delle vittime di soggetti maltrattanti. Il percorso di affrancamento da una dimensione relazionale, sia essa istituzionalizzata o no, di tipo abusante non può essere affrontato dalle donne senza il supporto di strutture capaci di renderle consapevoli, attraverso l’ascolto, della loro condizione di vittime e delle possibilità e degli strumenti che i recenti impianti normativi forniscono allo scopo di accompagnarle in un percorso di recupero della propria autonomia individuale. Si tratta, evidentemente, di un percorso complesso che richiede l’attivazione e lo sviluppo di competenze specifiche capaci di offrire sostegno psicologico, giuridico e socio-educativo a quelle donne che, in ragione della loro vulnerabilità spesso aggravata da fattori economici e culturali, dalla presenza dei figli, dall’influenza dell’ambiente, faticano ad affrancarsi dalla condizione soggiogante.  

"Grazie al lavoro avviato dall’assessore uscente alle Pari Opportunità, Antonella Colaluce, e d’intesa con l’assessore alla Cultura, Cristina Piscitelli, possiamo avere anche nella nostra città un fondamentale strumento di sensibilizzazione e soccorso per tutte le donne che vivono situazioni delicate e di violenza”- dichiara l’assessore alle Politiche Sociali, Michele Sollecito- “ In questa occasione, l’Amministrazione comunale ha altresì sostenuto l’iniziativa dell’associazione Fidapa di Giovinazzo ricordando il numero anti-violenza  attraverso materiale pubblicitario , illuminando i siti della città dedicati alle donne vittime di violenza e illuminando, a partire dalle ore 18.30 di domani  un edificio nella piazza principale di Giovinazzo con un‘immagine rappresentativa della ricorrenza". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Nuova arma contro il Coronavirus, farmaco già in uso efficace contro l'infezione Sars-CoV-2: è la ricerca dell'Università degli Studi di Bari

Salute

Una proteina prodotta dal nostro organismo è in grado di combattere i tumori al fegato: la scoperta dell’Irccs de Bellis di Castellana

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento