menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Da Monopoli il progetto per salvare gli squali: quattro esemplari 'sentinella' localizzati nel basso Adriatico

Si tratta di quattro esemplari di Verdesca, una delle specie più a rischio di estinzione: con l'iniziativa 'SafeShark', lanciata dal Wwf con il coinvolgimento dei pescatori del centro barese, saranno monitorati per studiarne spostamenti e abitudini

Catturati accidentalmente durante la pesca, liberati e trasformati in 'sentinelle' per studiarne il comportamento e capire come tutelarli. 'Protagonisti' del progetto 'Safesharks' lanciato dal Wwf, quattro esemplari di squali Verdesca (Prionace glauca), una delle 20 specie più a rischio di estinzione, in questi giorni localizzati nel basso Adriatico.

Il progetto vede in prima linea la comunità di pescatori di Monopoli, la più importante dell'Adriatico per il pesce spada, insieme a Coispa, Inca e ai ricercatori del WWF.

I 4 animali, lunghi circa un metro e mezzo, sono i primi 'taggati', a nord del Gargano, durante normali battute di pesca. Dai primi dati, si sposterebbero verso sud ma in autunno si attendono maggiori dettagli.

Le Verdesche sono tra gli squali più colpiti dal 'bycatch': liberate dopo la cattura accidentale, obiettivo di Safesharks è proprio valutare le probabilità di sopravvivenza dopo la liberazione, applicando con i pescatori le linee guida per le tecniche di rilascio ottimali. È il primo esperimento del genere in quest'area del Mediterraneo.

(Immagine: Una Verdesca foto © Joost van Uffelen dal sito Wwf.it)

    

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento