menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Stazione Fal al Libertà, nuove fermate e sottopasso a Santo Spirito: primo sì della Regione a 5 nuovi progetti

Si tratta di lavori per un valore complessivo di oltre 37 milioni di euro. A comunicarlo è, attraverso un messaggio su Facebook, l'assessore regionale ai Trasporti, Giovanni Giannini

La Giunta regionale ha affidato la realizzazione di cinque progetti relativi al trasporto metropolitano inseriti nell’intervento denominato “Sviluppo Sistemi di Trasporto Rapido di Massa”, finanziato dall’Addendum al Piano Operativo Fondo Sviluppo e Coesione 2014?2020, per un valore complessivo di oltre 37 milioni di euro. A comunicarlo è, attraverso un messaggio su Facebook, l'assessore regionale ai Trasporti, Giovanni Giannini

"Si tratta - spiega - di tre interventi il cui soggetto attuatore è Ferrovie Appulo Lucane: il 'Terminal interscambio ferro?bus su Via Cifarelli' (3,2 milioni di euro), la “Fermata Libertà” (18 milioni di euro) e il 'Nodo intermodale Villaggio dei Lavoratori' (5,61 milioni di euro); e due interventi il cui soggetto attuatore è Ferrotramviaria, cioè la 'Fermata Torricella della Ferrovia Bari–Barletta su Via Torricella' (3,3 milioni di euro) e la 'Realizzazione del sottopasso veicolare e pedonale in corrispondenza del passaggio a livello su via S. Spirito–progressiva ferroviaria km 16+524' (7 milioni di euro). Quest’ultimo progetto, del valore complessivo di 10,00 milioni di euro, ha già ottenuto un anticipo di 3 milioni come quota di cofinanziamento regionale nel giugno 2019. Il cofinanziamento si è reso necessario in quanto, in accordo con il Comune di Bitonto, si è deciso di modificare il progetto originario (del valore di 7 milioni), stralciando la realizzazione di una pista ciclabile tra la stazione di Bitonto Centrale e la fermata SS. Medici delle Ferrovie del Nord Barese e della relativa viabilità, per prevedere la realizzazione del sottopasso ferroviario, scelta più adatta a risolvere le criticità legate alla soppressione del passaggio a livello".

I  inanziamenti saranno resi disponibili dal MIT dopo la sottoscrizione di apposita convenzione con Regione e soggetti attuatori, il cui schema è stato oggi approvato: "Prende corpo - conclude Giannini - un ulteriore segmento di un sistema di trasporto metropolitano in grado di dotare il territorio di infrastrutture moderne, efficienti e sicure, di collegamenti sempre più capillari e di assicurare l’intermodalità. Passi avanti per il sistema TPL, ma anche verso l’apertura di nuovi cantieri e la ripresa delle attività lavorative ed economiche".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento