Sociale e sport per i cittadini più fragili, da 18 anni l'impegno della 'Tempo Libero': una targa dal Comune

Riconoscimento per l'associazione nata nel 2000 che si occupa di attività per anziani e bambini, con oltre 900 famiglie iscritte

Novecento famiglie iscritte per 18 anni d'impegno tra sociale e sport, aiutando anziani, bambini e malati in condizioni di fragilità: il Comune ha premiato con una targa, questa mattina in sala consiliare, l'associazione 'Tempo Libero Bari Onlus'. A consegnare i riconoscimenti il sindaco Antonio Decaro e il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano, alla presenza del presidente della commissione Culture Giuseppe Cascella, del prorettore dell’Università degli Studi di Bari Angelo Vacca e del vicepresidente del Consiglio comunale Pasquale Finocchio. TRa i premiati anche Michele Cellamare, presidente onorario dell'associazione, e Maurizio Scalise segretario dell’associazione UniBa A.S.D., per la meritoria attività di volontariato svolta sul territorio cittadino e metropolitano.

“Normalmente l’amministrazione - ha spiegato il sindaco Decaro - consegna riconoscimenti a persone che hanno dato lustro alla nostra città nel mondo, per meriti scientifici o artistici, o per premiare chi si dedica agli altri impegnandosi per assicurare il benessere a persone che vivono in condizioni sociali difficili o che sono in difficoltà. Da quando sono sindaco di Bari mi sono reso conto che un amministratore svolge meglio il proprio lavoro se aiutato e sostenuto da una rete di associazioni, parrocchie e scuole che creano una specie di struttura portante della città, all’interno della quale è possibile lavorare insieme per cercare di recuperare il senso di comunità, realizzando spazi di inclusione sociale". “La Regione - ha aggiunto Michele Emiliano - si esprime anche attraverso il sostegno e la collaborazione con le amministrazioni comunali. In particolare, è un vero piacere lavorare in sinergia con l’amministrazione di Bari e il sindaco Decaro, con il quale ci ritroviamo a condividere scelte e progetti comuni. È fondamentale, nel campo sociale come in tutti gli altri settori, mantenere la capacità di collaborazione tra istituzioni con l’obiettivo di costruire per Bari, insieme alle realtà locali e alle associazioni, progetti di buon governo, in particolare a favore delle persone in difficoltà”.

“Non posso che essere grato all’amministrazione comunale - ha dichiarato Michele Cellamare nel corso della cerimonia - perché si è dimostrata molto attenta alle esigenze della città e alle associazioni di volontariato che operano sul territorio. Oggi condivido questo riconoscimento con tutti i soci dell’associazione: in venti anni abbiamo lavorato duramente, insieme alla parrocchia della chiesa dei Carmelitani del quartiere Libertà. Siamo partiti dalla costruzione di un piccolo campo di calcio in cemento che, grazie all’impegno di tante famiglie, con il tempo, è stato reso più funzionale. Oggi tanti giovani che hanno fatto parte del primo gruppo seguito tanti anni fa, contribuiscono a sottrarre dalla strada circa trecento ragazzi. Il nostro impegno è un gesto d’amore er la città intera”. Maurizio Scalise ha infine aggiunto di essere “felicissimo per il riconoscimento ricevuto che condivido con tutto il mio gruppo di UniBA ASD” ricordando che “oggi si premia in realtà l’obiettivo primario della nostra associazione: far sorridere chi il sorriso un po’ l’ha perso. In tutti questi anni abbiamo dimostrato, anche grazie alla sinergia tra la nostra Università e il Comune di Bari, di essere in grado di aiutare chi purtroppo vive in condizioni difficili”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Puglia 'promossa' da domenica? Dati Covid in miglioramento, si va verso la zona gialla

  • La Puglia 'promossa' da zona arancione a zona gialla (nonostante l'Iss contrario): c'è l'ordinanza del ministro Speranza

  • Nuovo Dpcm: verso lo stop a spostamenti dai Comuni per Natale e Capodanno, dal 21 viaggi tra regioni solo per rientro nella propria residenza

  • Il Dpcm di Conte: la Puglia è arancione (gialla sotto Natale). Si torna a scuola il 7 gennaio. "No non conviventi in casa"

  • L'indice Rt scende sotto l'1 in Puglia e Lopalco risponde ai medici: "Non siamo regione da zona rossa"

  • Stop agli spostamenti tra regioni dal 21 dicembre, comuni 'chiusi' a Natale e Capodanno: il governo approva il decreto

Torna su
BariToday è in caricamento