menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Test rapidi Covid nelle farmacie pugliesi, c'è l'accordo: il costo sarà di 20 euro

I tamponi antigenici potranno essere utilizzati da persone che non appartengono a categorie a rischio (per esposizione lavorativa o per frequenza di comunità chiuse) e che non siano "contatto di caso sospetto"

I test rapidi antigenici per scoprire se si è affetti dal Covid saranno disponibili nelle farmacie pugliesi al costo di 20 euro: lo prevede l'intesa sottoscritta da Regione Puglia, Federfarma, Assofarm e gli Ordini provinciali dei farmacisti. L'accordo è stato approvato dalla Giunta regionale.

I tamponi antigenici potranno essere utilizzati da persone che non appartengono a categorie a rischio (per esposizione lavorativa o per frequenza di comunità chiuse) e che non siano "contatto di caso sospetto". In base all'accordo, se il risultato del test sarà negativo non sarà necessario effettuare approfondimenti ulteriori. In caso di positivirò, invece, si dovrà procedere alla conferma con test antigenico rapido di terza generazione o con test in biologia molecolare e le persone interessate "dovranno essere prese in carico dal medico di medicina generale o dal pediatra di libera scelta".

Soddisfazione da parte dei farmacisti pugliesi

Sulla questione è intervenuto il presidente dell'Ordine dei Farmacisti di Bari e Bat, Luigi d'Ambrosio Lettieri: "L'accordo - afferma - approvato dalla Giunta regionale per l'esecuzione dei test antigenici rapidi anche in farmacia apre anche in Puglia una importante occasione per supportare il sistema sanitario territoriale nella attività di tracciamento dei contagi da Covid 19. Nelle regioni dove è possibile eseguire un test rapido in farmacia - prosegue d'Ambrosio Lettieri - vi è un apprezzamento delle autorità competenti e soprattutto un beneficio dichiarato da parte dei cittadini la cui richiesta è sempre più pressante. La professione farmaceutica si pone come sempre al servizio delle iniziative di sanità pubblica. L'accordo recepisce elementi essenziali per lo svolgimento in sicurezza dei test in farmacia che aderiranno al programma su base volontaria, tra cui il possesso dei requisiti tecnico-strutturali e organizzativi per proteggere cittadini e operatori e la definizione di procedure operative validate scientificamente che sono la base della garanzia del risultato".

Soddisfatto anche il presidente di Federfarma Puglia, Francesco Fullone: "Finalmente le farmacie possono dare, anche per quanto riguardo la diagnosi rapida del virus, il proprio contributo nella lotta al Covid. La popolazione che non rientra nei target a rischio avrà la possibilità di rivolgersi alle farmacie, che sono lo sportello sanitario più prossimo al cittadino sul territorio, anche per lo screening del Covid. Credo che l'accordo sia particolarmente importante per la Regione Puglia perché ci fa fare un passo in avanti non indifferente" conclude Fullone.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento