Venerdì, 17 Settembre 2021
Attualità

Lettere dell'Asl per recuperare pagamenti di prestazioni gratuite erogare senza diritto, Picaro: "Situazione tragicomica"

Il consigliere comunale: "Come può la Asl chiedere agli utenti di fare le verifiche accedendo a una piattaforma nella quale non si riesce nemmeno comprendere quale siano le prestazioni contestate e non soggette a esenzioni?"

“In questi giorni numerosi cittadini stanno ricevendo avvisi di pagamento dalla Asl Bari a seguito del disconoscimento dell'esenzione dal pagamento della quota di compartecipazione alla spesa sanitaria per prestazioni specialistiche / farmaceutiche (codici: E01, E02, E03 e E04), per gli anni d'imposta dal 2011 al 2015. Nello stesso avviso si evidenzia che nel caso fosse sbagliata la pretesa, il cittadino può produrre tramite email la documentazione idonea a comprovare il diritto all’esenzione". Lo afferma il consigliere comunale barese e capogruppo Misto-Centrodestra, Michele Picaro, intervenuto sulla questione delle lettere inviate ai cittadini dall'Asl Bari per richiedere il versamento di prestazioni sanitarie erroneamente valutate come gratuite.

"Premesso che in pieno periodo Covid inviare avvisi massivi (pare siano oltre 30000), è assolutamente una scelta tragicomica - aggiunge -. Come può la Asl, che ha tutti gli strumenti e documenti per verificare le eventuali irregolarità, chiedere agli utenti di fare le verifiche accedendo a una piattaforma nella quale non si riesce nemmeno comprendere quale siano le prestazioni contestate e non soggette a esenzioni? Incongruenze che stanno spingendo tantissimi cittadini a recarsi personalmente negli uffici dell’ex Cto affrontando code e pericolosi assembramenti. Fortunatamente sto ricevendo in queste ore la disponibilità di diversi legali, tra cui l’avvocato Francesco Papapicco, a farsi carico della difesa dei contribuenti destinatari degli avvisi di pagamento” conclude Picaro.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lettere dell'Asl per recuperare pagamenti di prestazioni gratuite erogare senza diritto, Picaro: "Situazione tragicomica"

BariToday è in caricamento