Attualità

"Riattiviamo il treno storico delle Ferrovie Sud Est", l'idea dei Comuni per rilanciare il turismo 'lento' nel Barese e in Puglia

E' la proposta lanciata da alcuni centri pugliesi, tra cui Alberobello, Crispiano, Locorotondo, Noci e Statte, a seguito di un incontro sul tema. Il convoglio può trasportare fino a 400 persone

Una proposta per chiedere la riattivazione del Treno storico delle Ferrovie Sud Est come attrattore per esperienze turistiche 'slow' anche in periodi di destagionalizzazione: è la proposta lanciata da alcuni Comuni pugliesi, tra cui Alberobello, Crispiano, Locorotondo, Noci e Statte, a seguito di un incontro sul tema.

La richiesta è stata indirizzata al governatore Michele Emiliano, agli assessori regionali Loredana Capone e Giovanni Giannini, al direttore del Dipartimento Cultura e Turismo della Regione, Aldo Patruno, e all'ad di Fse, Giorgio Botti.

Il treno storico può trasportaqre fino a 400 persone. Per i promotori, "la riattivazione del Treno Storico lungo l’asse ferroviario Sud Est" potrebbe "rappresentare una grande opportunità per tutti i territori attraversati. Per i turisti si tratterebbe di un’esperienza unica, caratterizzata da  quella “lentezza” che sola può incoraggiare la scoperta dei luoghi  visitati, in un viaggio fra storia, tradizioni, sapori e odori".
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Riattiviamo il treno storico delle Ferrovie Sud Est", l'idea dei Comuni per rilanciare il turismo 'lento' nel Barese e in Puglia

BariToday è in caricamento