Alterazioni genetiche alla base di una grave patologia pediatrica: la scoperta dei ricercatori Uniba

Un team del Dipartimento di Bioscienze ha individuato le prime varianti 'dannose' in un gene associato alla sindrome di Leigh, grave malattia neurologica che si manifesta in particolare nei bambini

Porta la firma di un team di ricercatori dell'Uniba la scoperta che rappresenta un importante tassello nello studio della sindrome di Leigh, malattia neurologica che si manifesta nei bambini. Il gruppo, coordinato dalla dott.ssa Anna De Grassi del Dipartimento di Bioscienze, Biotecnologie e Biofarmaceutica, ha scoperto e caratterizzato le prime varianti “dannose” in un gene da oggi associato a questa grave patologia pediatrica di origine mitocondriale.

La ricerca, frutto del finanziamento dell'Associazione Mitocon, è stata pubblicata su “Human Mutation”, la rivista ufficiale della “Human Genome Variation Society” americana, e dimostra ancora una volta come sia possibile identificare nuove varianti dannose del DNA considerando ciascun paziente come un caso unico.

"Il DNA di ciascuno di noi contiene milioni di differenze (varianti) rispetto al DNA di qualunque altra persona. Per questo motivo, trovare proprio quelle varianti che causano un danno significa cercare un ago in un pagliaio, soprattutto se tali varianti non sono mai state riportate prima come "dannose" - spiega una nota dell'Uniba che dà notizia della scoperta - Lo scorso anno lo stesso gruppo di ricerca aveva scoperto il "malfunzionamento" del gene SLC25A10 in un altro caso di malattia mitocondriale. Questa volta si tratta del gene CRAT (carnitina acetiltrasferasi), che codifica per una proteina il cui deficit enzimatico è stato osservato per la prima volta in una bimba clinicamente affetta da sindrome di Leigh. La piccola paziente, già sottoposta ad indagini genetiche presso altri centri internazionali, ha trovato a Bari la sua prima risposta".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il risultato ottenuto non solo aggiunge un nuovo gene alla lista dei geni coinvolti nelle malattie mitocondriali, facilitando future diagnosi genetiche, ma è anche il punto di partenza imprescindibile per la ricerca di una terapia personalizzata.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Uccio De Santis positivo al coronavirus, annullato spettacolo in Svizzera: "Sono forte, ci vediamo presto"

  • Verso il nuovo Consiglio regionale, i nomi: Lopalco superstar, boom Paolicelli e Maurodinoia. A destra c'è Zullo, M5S con Laricchia

  • I nomi del nuovo Consiglio regionale: la ripartizione dei seggi, ecco chi siederà in via Gentile

  • Comunali 2020 in provincia di Bari, al via lo spoglio | I risultati in diretta

  • Raffaele Fitto positivo al Covid-19 con la moglie, l'annuncio: "Tampone dopo contagio di uno stretto collaboratore"

  • Il Coronavirus fa ancora paura nella provincia: un decesso a Polignano, crescono i contagi a Noicattaro

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BariToday è in caricamento